venerdì, 20 ottobre 2017 - 7:19
Home / Notizie / Storiche / Alfa Romeo alla Targa Florio 2017 | primo giorno [Video]

Alfa Romeo alla Targa Florio 2017 | primo giorno [Video]

Tempo di lettura: 2 minuti

Alfa Romeo alla Targa Florio ha una tradizione importante e quest’anno è tra le protagoniste di questo importante appuntamento. Oggi riflettori puntati su Roberto Giolito, responsabile del dipartimento FCA Heritage, che sarà al volante di un prezioso esemplare di Alfa Romeo: la Giulietta Sprint Zagato, la gloriosa SZ del 1960.

Giulietta SZ del 1960 un Alfa Romeo alla Targa Florio

Alfa Romeo Giulietta SZ - Targa Florio

La Giulietta SZ è una delle Alfa Romeo alla Targa Florio che quest’anno è alla 101esima edizione. Si tratta di un modello del 1960 appartenente alla seconda serie e caratterizzato dalla cosiddetta “coda tronca” (o coda di Kamm) che le permette di raggiungere agevolmente i 200 km/h grazie anche alla straordinaria efficienza aerodinamica. Sotto il cofano, un propulsore a 4 cilindri in linea da 1290 cm3 capace di sviluppare 100 CV. Il modello si distingue anche per i freni anteriori a disco e il frontale affusolato.

La genesi della Giulietta Sprint Zagato, la ben nota SZ, è molto più complessa di una semplice “commessa” dell’Alfa Romeo al carrozziere milanese. Affonda le proprie radici in un curioso episodio legato al mondo delle corse: nel 1956 Dore Leto di Priolo, uno tra i più noti gentlemen driver italiani dell’epoca, distrugge la propria Giulietta Sprint Veloce durante la Mille Miglia. Portandola da Zagato per le riparazioni, Dore chiede a Elio Zagato di non limitarsi alla ricostruzione della coupé di Bertone ma di provvedere al massimo alleggerimento, anche con interventi complessi e costosi.

Il telaio viene così completamente spogliato della pannellatura, dotato di una leggera carpenteria in tubi d’acciaio e rivestito con una carrozzeria in alluminio. Il risultato è la SVZ, una vettura più arrotondata e profilata in molte parti, a beneficio della penetrazione aerodinamica. Inoltre, il peso complessivo è ora sceso di ben 145 chilogrammi rispetto alla normale Sprint Veloce. In gara i risultati della SVZ non si fanno attendere e la prima conseguenza è che gli ordini per Zagato si moltiplicano a vista d’occhio: ciò da la possibilità al carrozziere di evolvere ulteriormente la propria idea. In pochi mesi sono decine i piloti privati che se ne fanno costruire un esemplare “su misura”, sempre più spinti da un punto di vista aerodinamico e di alleggerimento, con i preparatori dell’epoca che di pari passo spremono sempre più potenza dal piccolo bialbero 1300: ormai la SVZ è imbattibile. Da un punto di vista stilistico, le SVZ vanno via via allontanandosi dall’originaria Sprint Veloce di Bertone e iniziano a prefigurare le linee di quella che sarà la SZ.

Alfa Romeo si accorge della bontà del progetto di Zagato e lo fa diventare una produzione “di serie”, ancorché limitata, su un telaio di lunghezza ridotta. Così, dopo il successo delle elaborazioni private, nel 1959 il carrozziere milanese iniziò produrre ufficialmente la sua Sprint Zagato: la carrozzeria era estremamente profilata e il peso superava di poco gli 850 kg. Il modello che partecipa alla Targa Florio è l’evoluzione successiva, del 1960, e proviene dal Museo Storico Alfa Romeo di Arese, denominato “La macchina del tempo”.

Autore: Federico Ferrero

Direttore Autoappassionati.it

Potrebbe interessarti

Automoretrò

Automotoretrò e Automotoracing: a Torino dall’1 al 4 febbraio 2018

Tempo di lettura: 1 minutoAutomotoretrò e Automotoracing si presentano in vista dell’edizione 2018 dopo il grande successo della scorsa …