giovedì, 19 ottobre 2017 - 18:16
Home / Notizie / Tecnologia / Peugeot al Motorshow di Bologna tra SUV e sportività

Peugeot al Motorshow di Bologna tra SUV e sportività

Tempo di lettura: 3 minuti

Al Motorshow di Bologna, la Casa del Leone porta i suoi nuovi SUV Peugeot insieme ai modelli sportivi, del passato e del presente.

Protagonista la nuova Peugeot 3008, da noi provata su strada, che sul mercato italiano sta riscuotendo già ottimi numeri in termini di acquisizione contratti, e rappresenta l’idea di SUV della Casa: frontale verticale, cofano lungo e orizzontale, linea di cintura alta, elementi di protezione, grandi ruote e barre al tetto profilate. L’interno è stato rivoluzionato grazie al nuovo Peugeot i-Cockpit: volante compatto, touchscreen da 8”, sei “toogle switch”, quadro strumenti in posizione rialzata, con schermo da 12,3”, che propone cinque diversi modi di visualizzazione configurabili.

In aiuto al piacere di guida offerto dal nuovo SUV francese sono poi numerosi i sistemi di assistenza alla guida di ultima generazione: Active Safety Brake, Distance Alert, Active Lane Departure Warning, Driver Attention Alert, Speed Limit Detection, Adaptive Cruise Control, Active Blind Corner Assist. Sempre in tema di SUV sarà esposta per la prima volta in Italia dopo il debutto al Salone Internazionale di Parigi la nuova 5008, il SUV XL a 7 posti. Con 3008 condivide i tratti da SUV, il Peugeot i-Cockpit e tutte le tecnologie di assistenza alla guida, ma è più lungo, ha un passo di 2,84m ed è il più abitabile tra i SUV del segmento C. Non mancherà poi l’entry level del segmento dei Sport Utility Vehicles, ovvero la 2008, presentata quest’anno e che a Bologna si presenterà con l’inedita colorazione nera opaca, in vendita da febbraio 2017.

La gamma GT Line, trasversale su buona parte dei modelli della gamma del Leone, è rappresentata sullo stand del Motor Show dalla 208 e 308. Sempre una 308 interpreta invece la GT, alla quale sono riservate le motorizzazioni più potenti, con il benzina THP da 205 cavalli oppure il Diesel BlueHDi da 180 cavalli. Sportività e tecnologia, infine, sono esasperate nel modello centrale dello stand: Peugeot 308 R HYbrid, per la quale è stata sviluppata da Peugeot Sport una nuova catena ibrida benzina plug-in: THP 1.6 da 270 cavalli, il motore con la potenza specifica più alta del mondo per questa cilindrata e due motori elettrici da 115 cavalli disposti sui due assi. Una vera belva dal carattere green che indica la strada intrapresa da Peugeot per i futuri veicoli ibridi.

L’area Heritage Peugeot è dedicata completamente alla 205, un’auto che ha fatto la storia dell’automobile; una delle auto più vendute nella storia Peugeot, con oltre 5 milioni di esemplari, prodotta dal 1983 fino a fine secolo. Al Motor Show di Bologna è proposta in alcune delle sue realizzazioni più spettacolari, a partire da uno dei 200 esemplari di 205 Turbo 16 “stradali” che Peugeot realizzò per ottenere l’omologazione della 205 Turbo 16 alle competizioni in Gruppo B.

Le 200 Turbo 16 stradali, tutte grigie scuro, hanno un quattro cilindri in linea – sedici valvole turbocompresso di 1779 cc – da 200 CV a 6750 giri/min, abbinato ad un cambio a cinque marce. Questa berlinetta raggiungeva una velocità massima di 209 km/h e accelerava da 0 a 100 km/h in 6,0 secondi. Per quanto riguarda la 205 Turbo 16 da corsa, nel 1985 e 1986 si aggiudicò due Mondiali Rally Costruttori e Piloti, prima con il finlandese Timo Salonen, poi l’anno seguente con Juha Kankkunen.

Nell’area riservata alle prove auto del pubblico, Peugeot mette a disposizione due SUV 3008,  uno con motore benzina PureTech 130 e un Diesel BlueHDi 180. Gli appassionati potranno anche indirizzarsi sul modello attualmente più prestazionale e tecnologico della gamma Peugeot, la 308 GTi by Peugeot Sport, con i suoi 270 cavalli, che noi abbiamo scatenato in pista pochi giorni fa insieme alla sorella minore 208 GTi (qui la prova).

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Project CARS 2

Project CARS 2: l’alternativa ai soliti simulatori

Tempo di lettura: 3 minutiLe intenzioni degli sviluppatori di Project CARS 2 erano chiare: offrire, nel mercato odierno, un’alternativa valida …