giovedì, 19 ottobre 2017 - 18:16
Home / Archivio / Porsche Carrera Cup Italia 2014: intervista ad Alex De Giacomi dominatore della Michelin Cup a Misano

Porsche Carrera Cup Italia 2014: intervista ad Alex De Giacomi dominatore della Michelin Cup a Misano

Tempo di lettura: 2 minuti

Durante il primo appuntamento della Porsche Carrera Cup 2014, svoltosi nel circuito internazionale Marco Simoncelli di Misano, abbiamo avuto modo di intervistare un gentlemen driver che in questo weekend di gara ha portato a casa ottimi risultati: due primi posti nella Michelin Cup, un secondo assoluto in Gara2 domenica e un quinto posto nella Gara1 di sabato. Stiamo parlando del bresciano Alex De Giacomi che nella prima gara con la nuova 911 GT3 Cup Type 991 ha dimostrato di aver preso confidenza in fretta con la vettura 2014.

Fine della prima tappa: buona la prima?

Siamo partiti molto bene, abbiamo avuto qualche problema nelle prove libere, ma l’abbiamo risolto con l’aiuto di tutto il team Dinamic Motorsport. In Gara 1 stavo tenendo un ottimo passo quando, poi, verso metà round, ho iniziato a sentire dolore a entrambe le braccia e alla gamba destra. Un dolore leggero che poi verso la fine si è acutizzato creandomi un pesante handicap nel curvare e nel frenare: il nervo sciatico mi stava tradendo. A tre giri dalla fine ero sfinito, ma sono riuscito a difendere la posizione. Sceso dall’auto e salito sul podio non riuscivo neanche più a stringere la coppa!

Il circuito di Misano ti ha aiutato a realizzare un ottimo piazzamento?

Sicuramente Misano è uno dei miei circuiti preferiti, le ottime condizioni del tracciato e il tempo favorevole hanno aiutato. La prossima tappa di Monza, invece, sarà sicuramente più complicata. Spero di riuscire a trovare in fretta il giusto feeling nel veloce circuito lombardo con la nuova vettura.

Degiacomi2

Parliamo appunto della 911GT3 Cup Type 991. Come hai trovato il nuovo modello?

La nuova 991 Cup ha un approccio simile alla Type 997, ma l’ho trovata più immediata e intuitiva rispetto al modello precedente. Come da regolamento, inoltre, hanno aumentato i pesi rispetto ai test invernali, così in frenata la massa aggiuntiva si è fatta sentire e ho dovuto anticipare la staccate. Il nuovo cambio è veloce ed efficace. Nel complesso la vettura è molto coinvolgente, più bilanciata ed è più facile da portare al limite. Le gomme Michelin dalla nuova mescola all’anteriore mi sembrano molto valide, il grip è migliorato e l’inserimento in curva del muso è superiore rispetto a un tempo.

Quali sono gli obiettivi che ti poni per questa stagione 2014?

Punto a vincere la Michelin Cup e, dopo il secondo posto dello scorso anno dietro a De Amicis, questa stagione spero di portare a casa il Trofeo monogomma. Sicuramente lo sguardo è rivolto anche all’assoluto,  non sarebbe male togliersi qualche soddisfazione anche lì, proprio come ho fatto in Gara 2.

Quali sono gli avversari che temi di più?

Questa è la terza stagione nella quale partecipo alla Carrera Cup Italia e ormai ho imparato a conoscere i miei avversari. De Amicis, campione dei gentlemen 2013, ora partecipa “all’assoluto” e io guardo più ai miei concorrenti diretti come Proietti, Negra e Roda (N.d.R. Antonelli Motorsport), che mi sembrano tutti molto competitivi. Sono loro i rivali da battere. Pieno rispetto comunque per tutti, spererei di infastidire anche i piloti in testa all’assoluta Porsche Carrera Cup.

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

Binomio al vertice per DS Virgin Racing nella tappa argentina della Formula E

Tempo di lettura: 2 minutiIl Team DS Virgin Racing sbarca fiducioso in America del Sud per l’ePrix di Buenos …