giovedì, 22 giugno 2017 - 14:10
Home / Notizie / Tecnologia / Sebastién Loeb Rally Evo: non solo WRC

Sebastién Loeb Rally Evo: non solo WRC

Tempo di lettura: 2 minuti

Sebastién Loeb Rally EVO è quindi l’ultima fatica di Milestone, un prodotto sicuramente interessante e soprattutto caratterizzato da feature davvero niente male, seppur non proprio perfetto soprattutto a livello tecnico.
Ad aiutare Milestone nell’impresa uno dei migliori piloti di rally degli ultimi anni, nonostante il ritiro dalla serie WRC, un Sebastian Loeb entusiasta di entrare in un progetto che lo vedesse davvero protagonista.

L’esclusione della licenza di WRC permette, inoltre, a Milestone, di spaziare nella vera storia del rally, con alcune icone imprescindibili che vanno oltre alla semplice stagione in corso: una varietà di auto mai vista in un gioco di rally di questa portata. Persino i costruttori meno attivi nel motorsport oggi sono arrivati in modo massiccio, con Abarth, Audi, BMW, Citroen, Subaru, Renault e moltissime altre: saranno più di 60 le vetture disponibili, con modelli a partire dagli anni ’60 fino a quelli moderni dei giorni nostri. Le ambientazioni dei rally saranno invece 8, divise per esempio tra Svezia, Sanremo e Australia, per un totale di ben 64 tappe. A completare l’offerta ci sarà poi un tracciato di Pikes Peak (di cui Loeb è attualmente recordman) di ben 20 km ambientato in Colorado con la 208T16, la 405 e la famosa Escudo P.P.

SEB LOEB

La realizzazione dei tracciati è ottima ed è possibile percepire la differenza tra una prova e l’altra, la guidabilità pure: non è immediato portare al limite le vetture nelle condizioni più estreme con poca aderenza e con dislivelli e sali-scendi. Ma la guida è piacevole e regolabile dai numerosi settaggi di guida e di aiuti elettronici.
Anche il dettaglio del bordo pista non è stato dimenticato, con tanto di alberi, case e larghezza della carreggiata riprodotte nei minimi dettagli.

Tutti i tracciati e le auto sono ovviamente fruibili singolarmente, ma è il cuore di quello che potrete trovare nella carriera. Ancora una volta novità in questo campo, perché non si dovrà partire da zero come al solito ma la struttura sarà molto più ampia con la possibilità di scegliere gare e categorie dove correre e tentare di raccogliere il maggior numero di successi.

Come ogni titolo sportivo che si rispetti, Sebastién Loeb Rally EVO propone anche una sezione dedicata al multiplayer online. I giocatori potranno lanciarsi in tappe singole e rallycross, modalità in effetti simili a quelle viste nella fase legata all’esperienza in singolo.
Il motion engine è sicuramente superato, di conseguenza non aspettatevi di assistere ad ambientazioni curate sotto ogni minimo dettaglio.

SELOEB int1

Il lavoro svolto sul modello di guida, molto realistico, sembra essere davvero eccellente, con una quantità di modalità soddisfacenti e un parco auto di tutto rispetto a fare da contorno. Sebastién Loeb Rally Evo è sicuramente un titolo godibile. Gli amanti dello sport del Rally potranno contare effettivamente su un game divertente e soprattutto una valida alterntiva a Dirt Rally e WRC5 (da noi provato).
Un prodotto che pare al momento particolarmente curato e completo e che fa di un modello di guida realistico e particolarmente ostico il fulcro del sistema di gioco.

Autore: Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica. La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Potrebbe interessarti

Bosch Tom Tom Radar Road Signature

TomTom e Bosch per Radar Road Signature, il primo layer di localizzazione radar per la guida autonoma

Tempo di lettura: 1 minutoTomTom (TOM2) e Bosch annunciano la creazione di una mappa ad alta definizione che integra il layer Radar …