in

20 anni fa debuttava sul mercato la Opel Agila: la micromonovolume tedesca

Opel Agila
Tempo di lettura: 2 minuti

Opel Agila è stata la prima micromonovolume prodotta da una Casa europea. Presentata venti anni fa, al Salone dell’Automobile di Ginevra del 2000, faceva la sua apparizione in anteprima mondiale ed era l’espressione finale del prototipo Concept A, esposto proprio l’anno prima alla stessa rassegna svizzera.

Con Agila la Casa tedesca entrava nel mercato delle utilitarie con una micromonovolume che alla grande maneggevolezza univa una buona abitabilità interna e, fatto allora unico nel segmento A, una carrozzeria a 5 porte.

Alla fine degli Anni Novanta, quando stava già lavorando alla terza serie della Corsa, Opel si rese conto che questa vettura si stava decisamente staccando dal segmento delle vetture piccole e che si stava quindi creando un vuoto alla base della gamma Opel. Si pensò pertanto di colmare questo vuoto con una vettura più piccola della Corsa: la nuova Agila.

I motori della Opel Agila

Opel Agila era disponibile con due brillanti motori a 4 valvole per cilindro – un 3 cilindri di 1.000 cc e un 4 cilindri di 1.200 cc rispettivamente 58 CV (43 kW) e 75 CV (55 kW) –  abbinati a un cambio a 5 marce e alla trazione anteriore. Ad essi si affiancò, nel 2003, un 1.300 turbodiesel common-rail da 75 CV (55 kW). La linea giovanile e la possibilità di trasformare rapidamente gli interni da quelli di una vettura a 4 posti in quelli di una a 2 posti con un bagagliaio della capacità di 700 litri ne fecero subito una beniamina del pubblico femminile.

In sette anni dalla fabbrica di Gliwice, in Polonia, uscirono oltre 440.000 Agila (il 40% delle quali per l’Italia).

La seconda generazione di Opel Agila

Opel Agila seconda generazione

Nella seconda parte del 2007 la Casa tedesca annunciò una seconda generazione di questo modello caratterizzata da una linea meno squadrata ed essenziale, con 5 posti anziché 4.

Guidatore e passeggeri sedevano ancora in posizione rialzata, ma il tetto, scendendo verso la parte posteriore, dava un nuovo slancio alla linea della vettura. La capacità del vano di carico poteva variare da un minimo di 225 litri sotto il copri-bagagliaio (quanto bastava per trasportare, ad esempio, un passeggino) a un massimo di 1.050 litri, girando semplicemente la manopola che faceva ripiegare lo schienale dei sedili posteriori. La potenza dei due motori a benzina salì rispettivamente a 65 CV (48 kW) ed a 86 CV (63 kW).

La nuova Agila era molto diversa dalla precedente, più lunga, più larga e più bassa, aveva un aspetto più aggressivo e linee meno tese e più dinamiche. Anche il frontale e la coda furono completamente rinnovati, mentre i gruppi ottici posteriori a sviluppo verticale erano posizionati sui montanti del lunotto. La produzione fu spostata nello stabilimento ungherese d Esztergom.

La produzione della seconda generazione di Agila cessò nel Novembre 2014. Al suo posto, la Casa di Rüsselsheim introdusse Opel Karl.

Pilota professionista

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

virtual tour audi stream

AudiStream: il virtual tour all’interno del mondo Audi

ADAS nuova Leon

Nuova Seat Leon: gli assistenti alla guida della quarta generazione