lunedì, 12 novembre 2018 - 23:03
Home / Notizie / Esperienze / 300 Miglia smart: la nostra esperienza

300 Miglia smart: la nostra esperienza

Tempo di lettura: 2 minuti.

Nella giornata di giovedì abbiamo partecipato ad una Gara di regolarità, a bordo delle agili smart fortwo.

Dal nome “ 300 Miglia ”, si intuisce che ci troviamo di fronte ad una gara che ripercorre alcune delle tappe dell’amatissima Gara. Noi siamo partiti dalla sede centrale di Mercedes-Benz Italia per arrivare a Bologna. 

Vediamo insieme com’è andata.

smart 02

Che tipo di Gara è?

A questo punto sorge spontanea la domanda: in che cosa consiste questo genere di competizione? 

Prima di tutto bisogna formare un equipaggio composto da guidatore e navigatore. Entrambi non sono compiti da sottovalutare, anzi, in entrambi i casi bisogna mantenere una salda concentrazione e una buona sincronia con il/la compagno/a, senza creare confusione oppure sbagliare strada. La difficoltà sta nel raggiungere tutte le tappe mantenendo un tempo regolare (senza superare limiti di velocità) ovvero oltrepassare il Check nell’arco di un minuto rispetto all’orario indicato, senza mai fermare la vettura.

smart 04

Ad ogni auto viene assegnato un diario di viaggio, nel quale si trova il percorso da seguire con relative indicazioni, una radio e un cronometro. 

Si parte in direzione Bologna

Tre, due, uno.. si aziona il cronometro e si parte in direzione Orvieto. Inizialmente un percorso urbano ci fa apprezzare le ottime doti di agilità della fortwo. Dopo quasi 100 chilometri iniziano le curve e dunque possiamo apprezzare il piacere di guida. 

smart 03

Questa versione non vanta doti da vera sportiva ma tanto non è utile correre. Il passo corto e l’ottimo angolo di sterzata aiutano nei tornanti più stretti, i paddle al volante sono comodi soprattutto quando si affronta una salita.  

Percorso misto anche per gli altri Check in direzione Trequanda, in tutta comodità grazie anche alle sospensioni che privilegiano il confort di viaggio. 

Non appena il contachilometri supera la soglia dei 290, arriviamo al kartodromo di Siena per effettuare due giri di pista cronometrati. Il segreto per ottenere i migliori risultati è mantenere una velocità quanto possibile costante e seguire la traiettoria più veloce. 

smart 05

Dopo questa prova ci attende la tappa più lunga (134 km) in direzione Bologna

Tagliamo il traguardo al Motor Show di Bologna

Il viaggio ha termine presso il Motor Show di Bologna che, dal 3 fino all’11 dicembre, offre la possibilità alla maggior parte degli italiani appassionati di motori di vedere dal vivo le ultime novità che hanno caratterizzato tutto il 2016 e le anteprime per il 2017.

Dopo aver salutato le nostre compagne di viaggio ci rechiamo allo stand smart dove siamo accolti con gran sorpresa dalla “smartona” oversize, protagonista del tour della nuova generazione smart. 

In occasione della 40° edizione del Motor Show, smart propone in anteprima al pubblico italiano la nuova gamma elettrica, esponendo una forfour electric drive

smart 06

Ora il marchio di Hambach può vantare di essere il primo a coprire l’intera gamma di auto con propulsione elettrica. 

La nuova generazione di smart electric drive è equipaggiata con un motore elettrico da 60 kW (81 CV) e quindi, abbinando la tipica agilità di smart e una guida a zero emissioni, si rivela l’auto ideale per la mobilità urbana. 

Nello stand, ad accompagnare la première di forfour electric drive, troviamo la famiglia al completo dalle più performanti BRABUS (da noi provata) ai tanti allestimenti “tailor made” che permettono di ritagliarsi una smart sui proprio gusti personali.

Autore: Andrea Genre

Potrebbe interessarti

FCA Autonomy

La nostra esperienza a EICMA con Vanni Oddera, la mototerapia, e FCA Autonomy

EICMA? Noi di Autoappassionati.it? No non abbiamo cambiato i nostri interessi, le auto sono sempre …