mercoledì, 20 giugno 2018 - 1:52
Home / Notizie / Curiosità / 4MATIC: più di 80 modelli con la trazione integrale by Mercedes

4MATIC: più di 80 modelli con la trazione integrale by Mercedes

Tempo di lettura: 2 minuti.

La famiglia si allarga sempre di più. Mercedes propone 20 gamme per più di 80 modelli in cui la tecnologia 4MATIC è disponibile.

Dalla famiglia delle “A”, passando per Classe B, i modelli di Classe C, Classe E, “S”, l’unico 4×4 nel segmento Classe V e, ovviamente tutta la gamma SUV, recentemente rinnovata, che comprende GLA, GLC, GLE, GLS e l’intramontabile Classe G. Offerto in 4 varianti, il sistema 4MATIC di Mercedes è stato capace di coniugare una grande trazione, e conseguente sicurezza di marcia, con agilità ed efficienza.

Una storia che comincia addirittura nel 1903, quando venne prodotta la prima 4×4 Mercedes. Da allora è stato un costante sviluppo da parte degli ingegneri tedeschi, fino al debutto, nel 1979 della prima Classe G, la capostipite. Nell’84 è stato il momento di una berlina, la Classe E del 1984, aggiungendo il sistema di trazione a controllo elettronico nel 1987. Dieci anni dopo, insieme alla prima generazione di Classe M con il sistema 4ETS, nasce il segmento dei SUV.

Oggi, dopo anni di sviluppo continuo, 4MATIC può vantare una grande efficacia in ogni situazione atmosferica, dalla pioggia al ghiaccio, dal fango alla sabbia. Questo risultato è stato ottenuto rinunciando ai bloccaggi del differenziale di tipo tradizionale, efficaci, ma penalizzanti a livello di comfort. La trazione integrale 4MATIC, infatti, utilizza una struttura compatta, con un alloggiamento laterale nel settore del ripartitore di coppia, una soluzione che non modifica la scocca e non limita lo spazio per i piedi del passeggero anteriore. Il ripartitore di coppia che gestisce le 4 ruote è integrato direttamente nel cambio e consiste in un differenziale centrale con ingranaggi epicicloidali e due ruote dentate coniche che costituiscono l’uscita laterale sull’avantreno. A quest’ultime si unisce la frizione a lamelle a due dischi collocata sul differenziale, tra l’ingranaggio planetario centrale ed il portasatelliti.

In caso di slittamento delle ruote su uno dei due assali, a seguito del movimento relativo delle lamelle viene trasmesso un momento di attrito dall’asse che gira più velocemente verso quello con una rotazione più lenta. In questo modo si evita lo slittamento delle ruote, prevenendo il cosiddetto “effetto lucidatura” che comporta una riduzione del coefficiente di attrito.

Al posto dei tradizionali bloccaggi del differenziale, il sistema 4MATIC utilizza il sistema di controllo elettronico della trazione 4ETS, anch’esso perfezionato, a fronte di un maggiore comfort. Il 4ETS frena automaticamente ogni singola ruota, aumentando contemporaneamente la coppia alle ruote con una trazione sufficiente. Grazie a questi impulsi frenanti inviati in pochi millesimi di secondo si ottiene lo stesso effetto di tre bloccaggi del differenziale.

Uno degli obiettivi è incrementare la capacità di accelerazione in presenza di un minimo slittamento e, non a caso, la anche la gamma AMG fa un largo uso della trazione integrale di “casa”.

113 di questi anni, 4MATIC.

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

Peugeot Vision Gran Turismo

Peugeot Vision Gran Turismo: la concept car fatta per andare veloce, molto veloce [VIDEO]

Tempo di lettura: 2 minuti. Peugeot non è stata l’unica a cedere alla tentazione, ma avendolo fatto, ha voluto fare …

something