giovedì, 27 luglio 2017 - 0:52
Home / Esperienze / 6° Raduno Suzuki 4×4: la nostra esperienza
Raduno Suzuki 4x4
©Fabrizio Perilli

6° Raduno Suzuki 4×4: la nostra esperienza

Tempo di lettura: 2 minuti

Abbiamo partecipato alla sesta edizione del Raduno Suzuki 4×4, la manifestazione che da sei anni riunisce i più grandi appassionati della guida in fuoristrada con i mezzi della Casa di Hamamatsu.

Sede dell’edizione 2017 la magnifica Spoleto e le circostanti colline umbre, luogo ideale per mettere alla prova i sistemi di guida 4×4 che troviamo oggi sui veicoli Suzuki, a partire proprio dall’AllGrip (qui il nostro focus tecnico).

Per Suzuki è stata una giornata di quelle da non dimenticare, a partire dal successo di pubblico: i posti disponibili sono andati presto esauriti e i partecipanti hanno espresso grande soddisfazione per l’evento. La giornata ha saputo regalare momenti memorabili dal punto di vista della guida, oltre a soddisfare chi, semplicemente, ha scelto di passare una giornata diversa dal solito, a stretto contatto con la natura e all’insegna della passione per i motori.

6° Raduno Suzuki 4×4 : un percorso adatto ad ogni partecipante

Raduno Suzuki
©Fabrizio Perilli

Il Raduno Suzuki 4×4 è diventato un appuntamento importante nel panorama automobilistico nazionale. Giunta ormai alla sesta edizione, la manifestazione ha coinvolto appieno l’appassionata community dei fan di Hamamatsu. Per il 2017 è stata Spoleto, la città umbra, a fare da cornice all’evento, che ha visto i partecipanti raggrupparsi dapprima a Ponte Santa Lucia (PG), per poi dirigersi in carovana verso il percorso off-road.

Per la nostra esperienza al sesto Raduno Suzuki ci è stata affidata la nuova Ignis (qui la nostra prova su strada in anteprima), il SUV ultra compatto che ben si è comportato anche in off-road, sorprendendo per la sua agilità e per la facilità di tirarsi fuori anche dalle situazioni più complesse, grazie all’AllGrip Auto. In ogni caso, ai partecipanti sono stati proposti due percorsi, uno più “panoramico” e l’altro, con i mezzi adatti, per i veri amanti del fango. Noi abbiamo scelto il primo e siamo partiti in carovana accompagnati, oltre che dalle Ignis, dalla nuova S-Cross, l’ammiraglia Suzuki, e dalla brillante Swift.

Il percorso panoramico, scelto accuratamente tra le strade sterrate scorrevoli con tanto di scenari imperdibili da immortalare, è proseguito senza intoppi. A sentire gli altri partecipanti, questi tratti hanno esaltato le doti della tecnologia AllGrip, ancora di più della AllGrip Pro di Jimny. Vitara e Grand Vitara, i due SUV della Casa giapponese, hanno poi fatto da denominatore comune ai due gruppi, mentre gli intramontabili “Suzukini” SJ hanno testimoniato la longevità e l’affidabilità dei modelli di Hamamatsu.

Raduno Suzuki

Dopo una pausa pranzo immersi nella natura, con una degustazione di ottimi prodotti locali, i partecipanti si sono potuti cimentare in uno spettacolare “Parco Giochi Off-Road”: in un’area attrezzata sono stati creati ostacoli su cui i clienti più audaci, a bordo delle loro vetture, hanno potuto provare l’ebbrezza delle grandi pendenze, anche laterali, e confrontarsi con buche, dossi e twist.

In totale sono stati 69 gli equipaggi che hanno percorso il tracciato. Tra loro anche una Vitara equipaggiata con la performante action cam Nikon KeyMission 360. L’innovativa fotocamera “adventure proof” Nikon resiste all’acqua, agli shock e al gelo ed è in grado di fare riprese interattive panoramiche a 360° in qualità 4K, il massimo per documentare le escursioni fuoristrada su ogni terreno e in ogni condizione meteo.

Sulla pagina YouTube di Suzuki Auto potete vedere il racconto in video dell’esperienza, aspettando con ansia e con tanta voglia di buttarci in off-road la prossima edizione!

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Michelin e Porsche

Michelin e Porsche: 911 GTS e Pilot Sport 4 S per prestazioni assolute

Tempo di lettura: 4 minutiNel 1961 nacque una collaborazione che oggi regge saldamente da più di 50 anni e, …