in

Abarth sostiene Valentino Rossi sulla pista di casa

Tempo di lettura: < 1 minuto

Si attende un tifo da stadio per Valentino Rossi questo fine settimana sul circuito di Misano Adriatico, tappa del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, tredicesimo appuntamento del Motomondiale.  

Abarth è in prima linea per portare il Dottore alla vittoria essendo sponsor del Team Movistar Yamaha Moto GP. Valentino occupa il secondo posto in classifica generale e ha recuperato terreno all’acerrimo rivale Marc Marquez negli ultimi tre round. A Misano Adriatico, sul circuito intitolato al compianto Marco Simoncelli, “The Doctor” ha vinto in 3 occasioni, nel 2008, 2009 e 2014; altrettanti successi per il suo compagno di squadra Jorge Lorenzo, che si è imposto nel 2011, 2012 e 2013.

Abarth è sponsor della squadra ufficiale Yahaha perché c’è di mezzo la velocità ma anche la voglia di sport e di battersi e la casa torinese lo fa con gli ultimi modelli, come l’Abarth 595 disponibile in tre allestimenti (595, 595 Turismo e 595 Competizione) con altrettanti livelli di potenza che la fanno definire dagli appassionati “la più piccola delle supercar”. Altra novità è l’Abarth 124 Spider: il nuovo modello dello Scorpione è dotato di trazione posteriore, sospensioni raffinate e un motore turbo 1.4 MultiAir a quattro cilindri da 170 CV, abbinato al cambio manuale a 6 marce oppure al cambio automatico Sequenziale Sportivo Esseesse a 6 marce con paddle al volante.

Le emozioni provate in pista dai piloti Yamaha ed a bordo di ogni vettura Abarth possono essere ritrovate in “The Scorpionship“, unica comunità ufficiale del marchio dedicato ai proprietari di auto, collezionisti, soci del Club Abarth e ovviamente a tutti gli appassionati di auto. L’iscrizione al sito scorpionship.abarth.com fornisce una serie di vantaggi interessanti, promozioni e opportunità anche nel campo delle competizioni, attraverso inviti esclusivi di incontri per gli appassionati. 

Dì la tua

Suzuki è Main Partner dalla Federazione Ciclistica Italiana

La guida autonoma di Volvo è diventata realtà