in

AdBlue: cos’è e come funziona?

AdBlue
Tempo di lettura: 3 minutiL’AdBlue è utilizzato nella riduzione selettiva catalitica (SCR) per ridurre del 90% le emissioni degli ossidi di azoto dai gas di scarico prodotti dai veicoli dotati di motore diesel.

A cosa serve l’AdBlue?

Ad eliminare gli NOx dal sistema di scarico dell’auto. L’AdBlue è, infatti, utilizzato dai veicoli dotati di dispositivi di post-trattamento dei gas di scarico NOx SCR (Selective Catalytic Reduction), è trasportato in specifici serbatoi e viene immesso nel sistema catalitico in ragione del 3-5% del gasolio consumato.

La riduzione selettiva catalitica (abbreviato in SCR) è un processo chimico per l’abbattimento dei NOx nei gas di scarico. I dispositivi SCR trovano utilizzo sia nella combustione industriale che nei motori a combustione interna delle applicazioni automotive. Questo agente chimico riducente allo stato liquido o gassoso (in genere ammoniaca o urea) viene aggiunto ai gas di scarico in presenza di catalizzatore. Il riducente ha la forte tendenza ad assorbire l’Ossigeno (per questo motivo l’ammoniaca è tossica sui tessuti biologica), limitando così la formazione di NOx all’interno del gas di scarico, ma formando H2O (vapore acqueo) e N2 (gas azoto).
AdBlue

Com’è composto l’AdBlue?

L’AdBlue consiste per il 32,5 % di urea tecnica di alta qualità (bassi contenuti di calcio, metalli, biureto, etc.) e 67.5 % di acqua demineralizzata e viene continuamente iniettata prima del catalizzatore SCR nella colonna dei gas di scarico.

La soluzione non è tossica, non è infiammabile e non è pericolosa da manipolare. Tuttavia la soluzione può essere corrosiva per alcuni metalli e deve essere stoccata e trasportata utilizzando materiali appropriati.

Il marchio AdBlue attualmente è detenuto dalla Verband der Automobilindustrie (VDA) l’associazione tedesca dei costruttori di veicoli, che garantisce che gli standard qualitativi siano mantenuti in conformità con la specifica ISO 22241.
AdBlue

Perché tale soluzione possa chiamarsi AdBlue deve contenere una concentrazione specifica di urea tecnica e soprattutto rispettare dei rigidi parametri qualitativi che regolano i contenuti di metalli, calcio, biureto e altre componenti che se presenti nell’AdBlue comporterebbero danni irreparabili per i catalizzatori. Non è quindi possibile fare il pieno di sola acqua al serbatoio di AdBlue.

Quando nasce l’AdBlue?

Nel 2005 la legislazione sui veicoli diesel in Europa ha richiesto una drastica riduzione delle emissioni di NOx. I produttori di veicoli e, soprattutto, dei veicoli commerciali pesanti, hanno dovuto ripensare i sistemi di scarico dei loro veicoli. Sempre più auto, trattori e altri veicoli diesel non stradali vengono ora dotati anche di sistema SCR nello scarico.
L’AdBlue è il marchio registrato per AUS32 (Aqueous Urea Solution 32.5%) Attualmente il sistema SCR è utilizzato in Europa, Giappone, Australia, Hong Kong, Taiwan, Corea, Nuova Zelanda e Singapore. La normativa emessa nel 2010 dalla US EPA United States Environmental Protection Agency, limiterà i livelli di NOx emessi dai veicoli diesel circolanti negli Stati Uniti. L’AUS32 nel Nord America verrà identificato come DEF (Diesel Exhaust Fluid) mentre in Brasile si chiamerà Arla 32.

L’adozione della tecnologia SCR in Europa ha reso necessaria la creazione di una infrastruttura di distribuzione. Oggi l’AdBlue è disponibile in migliaia di stazioni di rifornimento. Esiste un sistema di localizzazione aggiornato mensilmente che mostra tutti i punti di vendita al dettaglio. L’AdBlue viene anche venduto in taniche da 5-10-20 litri o fusti da 210 litri, in contenitori IBC da 1.000 litri oppure sfuso tramite autocisterna.

L’introduzione della normativa Euro 6 ha determinato un ulteriore consolidamento di questa tecnologia, che diviene praticamente obbligatoria se parliamo di Euro 6.c.

Come interagisce con il guidatore?
AdBlue

Il basso dosaggio (al massimo si inietta il 5% del gasolio consumato) garantisce un funzionamento duraturo, minimizzando comunque lo spazio impegnato sul veicolo. Il dosaggio è determinato in base al flusso della massa di gas di scarico; la gestione del motore, informata da un sensore NO posto a valle del catalizzatore SCR, provvede a garantire l’esatto dosaggio.

Quando si sta per finire l’AdBlue, di solito dopo 7-15mila km di autonomia, una spia ed un relativo messaggio ne segnalano la riserva entro 2.500-1.000km. Occorre quindi fare il pieno di questo liquido (per le auto, dai 7 ai 25 litri in base al tipo veicolo, con un costo di circa 1€ al litro), presso quasi tutti i distributori, i ricambisti o le autofficine.

Se finisce l’AdBlue e non viene rabboccato?

Sulle auto (e camion) che ne son dotate, una volta che si finisce tale liquido, se non si procede al rabbocco, non risulta più possibile avviare il veicolo. Stessa cosa se viene sostituito con un liquido differente, come ad esempio l’acqua.

L’eccessiva presenza di calcio ad esempio, con i relativi depositi di calcare, può non creare problemi nell’immediato, ma finirà per intasare gli iniettori di urea e danneggiare il catalizzatore dopo alcune migliaia di chilometri.

In sintesi i problemi che possono nascere da un AdBlue di bassa qualità sono di due tipi, invecchiamento e avvelenamento del sistema di scarico.

Neopatentato

Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica.
La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Dì la tua

Amazon Key Volvo cars

Volvo Cars aggiunge la consegna a bordo con Amazon Key

Coyote Nav+

Coyote Nav+: non chiamatelo navigatore