martedì, 20 Agosto 2019 - 4:59
Home / Notizie / Curiosità / Dopo il premio a Pebble Beach, bis per la Alfa Romeo 8C 2900B a Villa d’Este
8C 2900B

Dopo il premio a Pebble Beach, bis per la Alfa Romeo 8C 2900B a Villa d’Este

Tempo di lettura: 1 minuto.

Al Concorso d’Eleganza di Villa d’Este Alfa Romeo 8C 2900B, esemplare appartenente al statunitense David Sydorick, ha vinto la Coppa d’Oro, massimo riconoscimento della novantesima edizione di del Concorso tenutosi sulle sponde del Lago di Como.

L’esemplare, sorprendentemente ancora al massimo dell’eleganza a più di ottant’anni dalla sua nascita (venne progettato e presentato nel 1937), può vantare una tecnologia all’avanguardia, almeno per l’epoca. Il motore è un otto cilindri in linea 2.9 di cilindrata e 180 CV, con blocco in lega leggera, bi-albero a camme, cambio sull’assale posteriore e sospensioni indipendenti.

Non solo eleganza, grazie al contributo di Touring con carrozzeria superleggera, ma anche tanta tecnologia e prestazioni all’avanguardia per un’auto che ha già superato la soglia degli ottant’anni.

Già vincintrice del titolo di “Best of Show” all’ultimo Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, controparte americana del Villa d’Este, la berlinetta a passo lungo è stata prodotta in cinque esemplari con il contributo di Touring. L’auto venne presentata ai saloni di Parigi e di Milano nel 1937 e, a distanza di diverse decadi, oggi rappresenta un pezzo unico, o quasi, per i collezionisti.

alfa romeo 8c 2900b
Lamborghini Marzal (1967) al Villa d’Este 2019

Oltre alla Coppa d’Oro, sono stati conferiti altri premi: il Trofeo BMW Group Ragazzi ha premiato ancora una volta il genio avveniristico dell’allora capo progettista della carrozzeria Bertone, Marcello Gandini, autore, tra le altre, del design “spaziale” e degli interni futuristici della Lamborghini Marzal (1967). La Bugatti La Voiture Noire, presentata al Salone di Ginevra 2019, ha invece vinto il Design Award for Concept Cars & Prototypes, assegnato sempre per Referendum Pubblico nei giardini di Villa Erba.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Lancia Beta Montecarlo

Lancia Beta Montecarlo, l’“incompresa” berlinetta a motore centrale

Nella storia della produzione automobilistica italiana, le auto a motore centrale sono quasi totalmente appannaggio …