mercoledì, 24 gennaio 2018 - 10:12
Home / Notizie / Curiosità / Alfa Romeo Giulia vince il prestigioso EuroCarBody 2016

Alfa Romeo Giulia vince il prestigioso EuroCarBody 2016

Tempo di lettura: 1 minuto. 

Alfa Romeo Giulia è la vincitrice dell’EuroCarBody 2016, il più prestigioso premio a livello mondiale per la progettazione della scocca, organizzato da “Automotive Circle International”.

Nei pressi di Francoforte si è svolta dal 18 al 20 ottobre la 18° edizione che ha visto anche quest’anno partecipare esperti nei campi della progettazione, dei materiali, dei processi e della produzione della carrozzeria. Il concorso annuale è aperto a tutti i costruttori e prevede numerosi workshop dove vengono illustrate nel dettaglio le soluzioni più innovative del settore. Le scocche delle auto giudicate per tre giorni sono state esposte e quindi analizzate da una giuria di esperti in base a oltre venti criteri raggruppati in cinque macro aree: sviluppo e applicazione di materiali innovativi; soluzioni innovative per lo sviluppo e la progettazione; concetti innovativi applicati al processo di produzione industriale; valori rilevanti per il cliente come sicurezza, ergonomia, comfort acustico e qualità; completezza e qualità della presentazione dei contenuti tecnici e tecnologici.

Con 39,46 punti, su un totale di 50 disponibili, Alfa Romeo Giulia, 100 % Made in Italy, si è classificata al primo posto davanti a concorrenti di tutto rispetto (Honda NSX, Bentley Bentayga e Aston Martin DB 11 solo per citarne alcune). Il prestigioso riconoscimento è arrivato grazie all’efficienza della scocca tanto rigida quanto leggera grazie all’uso di materiali ultra-leggeri quali fibra di carbonio e alluminio. È anche grazie a queste caratteristiche che Giulia ha ricevuto qualche mese fa le 5 stelle EuroNCAP, ottenendo il punteggio di 98 % di protezione degli occupanti adulti, record di categoria. 

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

McLaren MP4/8

La McLaren MP4/8 di Senna all’asta

Tempo di lettura: 2 minuti. Quando si pensa alle formula 1 entrate nella leggenda il pensiero ricorre a piloti e …

something