in

Alfa Romeo MiTo Junior: tutte le informazioni sul modello

Tempo di lettura: 3 minuti

Nei giorni 15 e 16 novembre, presso i concessionari Alfa Romeo italiani, si svolgerà il primo “porte aperte” dedicato alla MiTo Junior, la nuova versione sportiva e accessibile che rinvia immediatamente ad un’altra icona Alfa Romeo: la “piccola” GT 1300 Junior del 1966, una sportiva vera con tutte le qualità dei modelli di maggiore potenza e cilindrata.

Oggi il DNA sportivo di quello storico coupé rivive nella nuova MiTo Junior, una piccola grande vettura che consente di entrare nel mondo Alfa Romeo dove grinta, agilità e divertimento diventano accessibili anche ai più giovani. Proprio per raccontare il mondo dei giovani e il loro desiderio di guidare una MiTo, il marchio ha realizzato – in collaborazione con l’agenzia Armando Testa – una nuova campagna di comunicazione declinata su canali TV satellitari, radio e web.

Il listino prezzi parte da 17.650 euro per la motorizzazione 1.4 78 CV e raggiunge i 21.400 euro per la versione equipaggiata con il 1.4 Multiair Turbobenzina 140 CV TCT (21.500 euro per la Junior 1.4 GPL Turbo 120 CV).

Tutti i punti di forza della nuova versione Junior

Forte di uno stile che esprime sportività e di un comportamento stradale che la rende il punto di riferimento riconosciuto nella categoria, la nuova MiTo Junior rimane fedele al suo posizionamento di “Energy Machine”. All’esterno, la nuova MiTo Junior esalta la sua anima sportiva attraverso alcuni elementi distintivi quali i nuovi cerchi in lega da 17″ con trattamento bianco, le particolari calotte degli specchi esterni verniciate di bianco ghiaccio e il distintivo sticker “Junior” bianco posto sul portellone. Inoltre, la nuova versione propone l’elegante trattamento Cromo Satinato per le maniglie delle porte e le cornici dei gruppi ottici anteriori e posteriori, oltre al paraurti posteriore sportivo, lo spoiler, i cristalli posteriori oscurati e il terminale di scarico cromato.

All’interno, la nuova MiTo Junior è caratterizzata dai sedili nel nuovo tessuto sportivo Techno nero e bianco con cuciture bianche e dal rivestimento in pelle con cuciture bianche per il nuovo volante sportivo tagliato, la cuffia cambio e la leva del freno di stazionamento.  Inoltre, la nuova versione propone i tappetini con logo “Junior” e cuciture bianche, la plancia Street di colore nero, uno specifico quadro strumenti sportivo con grafiche bianche e il nuovo sistema di infotainment UConnect con touchscreen da 5″ e comandi al volante.

Il cliente della nuova MiTo Junior può scegliere tra un’ampia gamma di propulsori, tutti efficienti, affidabili, performanti e rispettosi dell’ambiente. Proprio come il 0.9 Turbo TwinAir da 105 CV che spicca per il temperamento brillante – potenza di 105 CV (77 kW) a 5.500 giri/min e coppia massima di 145 Nm a 2.000 giri/min – e i bassi consumi ed emissioni di CO2. Il tutto senza rinunciare alle prestazioni: 184 km/h di velocità massima e accelerazione da 0 a 100 km/h in appena 11, 4 secondi. Per chi desidera più prestazioni è disponibile il nuovo 1.4 MultiAir Turbobenzina da 140 CV con cambio automatico “Alfa TCT” che fa registrare 209 km/h di velocità massima, 8,1 secondi di accelerazione 0-100 Km/h, 5,4 l/100Km di consumi e 124 g/km di CO2 (ciclo combinato).

Per i neopatentati la possibilità di scegliere tra il benzina 1.4 78 CV e il turbodiesel1.3 JTDM da 85 CV. In particolare, quest’ultimo motore eroga una potenza massima di 85 CV a 3.500 giri/min e una coppia di 200 Nm a soli 1.500 giri/min che le consente di raggiungere una velocità massima di 174 Km/h e un’accelerazione da 0-100 Km/h in 12,9 secondi. Appartenente alla seconda generazione dei propulsori Multijet, il 1.3 JTDM fa registrare appena 90 g/km di emissioni di CO2 nel ciclo misto. Completa la gamma della MiTo Junior il 1.4 GPL Turbo 120 CV, un entusiasmante concentrato di potenza e tecnologia che unisce performance di alto livello con il rispetto dell’ambiente e costi di gestione ridotti.

Neopatentato

Federico Ferrero

Direttore Autoappassionati.it

Dì la tua

nuove Audi A1 e A1 Sportback: aggiornamenti per i due modelli

Foto di Alessandro Altavilla

Una notte da Leon