in

Alfa Romeo Racing: dichiarazioni dei piloti dopo il Gran Premio del Bahrain 2019

alfa romeo racing
Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo un esordio australiano ricco di spunti ma con il classico amaro in bocca alla ripartenza, il Gran Premio del Bahrain per l’equipe Alfa Romeo Racing profuma di occasione colta, di vettura in crescita. Sì, insomma, Raikkonen ha corso sempre nella top ten e, dopo esser partito dalla nona posizione, ha chiuso in settima, ora è sesto nella classifica piloti.

Giovinazzi, invece, ha avuto ancora qualche problema in qualifica, non riuscendo a passare la tagliola del Q1 (seppur con un tempo di un decimo inferiore al compagno di squadra) poi si è riscattato in gara arrivando al limite della zona punti, con il doppio ritiro delle due Renault a dare una mano. Zona punti sfiorata per l’italiano ma ci sarà presto un’altra occasione per puntare al sospirato punticino.

La vettura, la C38, sembra invece non riuscire ancora a dare il massimo nell’ora di qualifica sulle gomme più morbide, problema già riscontrato durante i test di Barcellona. Il passo gara è invece buono e può diventare una costante e una base per la crescita del team, deciso a migliorare l’ottavo posto finale della scorsa stagione.

Le dichiarazioni dei piloti Alfa Romeo Racing dopo il Gran Premio del Bahrain

Kimi Raikkonen: “È stata una bella gara, con qualche buona battaglia. A metà gara abbiamo avuto qualche problema, specie per colpa del vento e delle gomme (il finlandese ha montato le gomme medie C2 al giro 9, ndr). Con il secondo pit stop l’auto è migliorata. Step by step, stiamo cercando di mettere tutto insieme per fare progressi.

Antonio Giovinazzi: “È stata una buona gara ma molto dura. Sono comunque soddisfatto dell’undicesimo posto ma peccato per la safety car, sarei potuto finire decimo. Eravamo davvero vicini alla zona punti e questo è positivo. Ora dobbiamo rimanere concentrati e continuare a lavorare per la prossima gara in Cina.”

Dì la tua

Gran premio bahrain

Gran Premio Bahrain 2019: le dichiarazioni del team Ferrari

charles leclerc

Charles Leclerc: è lui il vero Cavallino Rampante?