domenica, 8 Dicembre 2019 - 0:46
Home / Notizie / Pneumatici / Aquaplaning: cos’è e come affrontarlo
aquaplaning

Aquaplaning: cos’è e come affrontarlo

Tempo di lettura: 2 minuti.

Abbiamo sentito tutti parlare di aquaplaning e forse alcuni di noi l’hanno provato anche sulla propria pelle. Per questo conoscere a fondo il fenomeno e capirne i meccanismi può aiutare non tanto a prevenirlo quanto a saperlo affrontare nel modo più corretto.

L’aquaplaning è il fenomeno per cui, nel corso di una forte precipitazione e anche dopo, l’acqua che si raccoglie sulla superficie della strada non ha il tempo di asciugarsi e si accumula a tal punto da non permettere un’area di contatto sufficiente tra le ruote e la strada. Si viene così a creare un cuscinetto di acqua che annulla l’attrito tra la superficie dello pneumatico e il manto stradale. Quando ciò avviene si corre il rischio di perdere il controllo del veicolo.

Tra le possibili cause: piogge autunnali, strade dissestate, disegno del battistrada ma anche il modo in cui guidate e, non ultima, scarsa manutenzione.

Vediamo insieme quali sono gli step per prevenire l’ aquaplaning

Per prima cosa è necessario controllare la condizione degli pneumatici e la pressione degli stessi; secondo gli esperti, la scelta più sicura ricade sull’utilizzo di uno pneumatico estivo di alta qualità, ma lo spessore non ha una regola unica, bensì dipende dal Marchio della gomma, in quanto in molti consigliano di cambiarlo a 4 mm o a 3. Diversi studi hanno determinato che la soglia più importante è proprio di quale pneumatico si tratta, visto che la legge dice che si può (e noi aggiungiamo si deve) tenere fino a 1,6 mm, perché le performance di uno pneumatico di alta qualità sono garantite fino a quel limite. Per alcuni la soglia è questa, ma è vero che per altri è effettivamente superiore.

Per quanto riguarda la pressione, se questa risulta troppo bassa, il rischio aumenta in quanto gli pneumatici potrebbero non mantenere la loro forma in acqua. Al di là degli aspetti tecnici, è fondamentale evitare sorpassi sopra le pozzanghere e ridurre la velocità di percorrenza.

Cosa fare in caso di aquaplaning?

  1. Mantenere la calma
  2. Rilasciare l’acceleratore e spingere la frizione verso il basso per rallentare l’auto e ripristinare la presa.
  3. Non frenare, in quanto la frenata riduce ulteriormente l’aderenza
  4. Infine, cercare di mantenere lo sterzo dritto per evitare di girare verso una cunetta o di finire nella corsia opposta al ripristinarsi dell’aderenza.

Autore: Naomi Ventura

Potrebbe interessarti

Tesla Model S 2019

Gomme auto elettriche: la loro durata è maggiore

Le gomme delle auto elettriche, al contrario di quanto comunemente si pensa, si logorano più …