giovedì, 2 Luglio 2020 - 17:54
Home / Notizie / Tecnologia / Assistente di parcheggio BMW: cos’è e come funziona
assistente-parcheggio-bmw

Assistente di parcheggio BMW: cos’è e come funziona

Tempo di lettura: 2 minuti.

L’optional Parking Assistant, o in italiano Assistente di parcheggio BMW, offre una serie di funzioni che permettono di parcheggiare in modo confortevole, automatico, sia in parcheggi paralleli alla carreggiata che in parcheggi trasversali oppure a pettine rispetto alla strada.

Per potere utilizzare degli spazi ancora più stretti di quelli finora accessibili, il sistema reagisce già in presenza di parcheggi che offrono solo 80 centimetri di spazio in più rispetto alla lunghezza della vettura. I sensori a ultrasuoni riconoscono i parcheggi adatti fino alla velocità di 35 km/h. Il sistema svolge l’intero processo di parcheggio, incluse tutte le necessarie manovre di sterzo, di cambio-marcia, di accelerazione e di frenata.

Il Parking Assistant BMW è disponibile anche per modelli dotati di cambio manuale. Quando il parcheggio è in posizione trasversale rispetto alla strada o a pettine, è sufficiente uno spazio di solo 40 centimetri a ogni lato della vettura per consentire al sistema di avviare la manovra di parcheggio automatizzato. Anche l’assistente alla retromarcia è incluso nell’optional Parking Assistant.

Grazie a Surround View e Remote 3D View, inclusi nell’optional Parking Assistant Plus, chi deve manovrare la propria vettura spesso nei centri urbani in presenza di situazioni di visibilità limitata, può essere certo di avere sempre sotto controllo la zona intorno alla propria BMW. Il sistema visualizza un’immagine della vettura nella prospettiva a volo d’uccello e una rappresentazione tridimensionale della situazione del traffico. Questo permette di riconoscere eventuali ostacoli o altri veicoli che appaiono improvvisamente.

La tecnica Remote 3D View consente di trasmettere le immagini tridimensionali della zona che circonda la vettura attraverso BMW Connected anche allo smartphone del proprietario. Questa fusione di sistemi di assistenza alla guida e di servizi di connettività permette di gettare uno sguardo di controllo alla vettura parcheggiata da qualsiasi distanza: i dati relativi all’immagine vengono trasmessi al dispositivo periferico mobile attraverso un collegamento di telefonia mobile.

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

app fordpass

App FordPass: l’applicazione per monitorare il proprio veicolo connesso

L’app FordPass è l’applicazione attraverso cui i clienti accedono al proprio veicolo connesso e alla …