in

AUDI al CES 2016 di Las Vegas

Tempo di lettura: 2 minuti

All’evento di Las Vegas, le novità relative al cruscotto e la gestione del computer di bordo non solo di Bmw, ma anche della concorrente Audi.  “In futuro, gli interni dell’auto modificheranno radicalmente il modo in cui i nostri Clienti operano ed entrano in contatto con gli elementi del veicolo”, spiega Ricky Hudi, Responsabile per lo Sviluppo Elettronico, “l’intero sistema-auto riuscirà a conoscere i Clienti, le loro abitudini e le loro preferenze”.

La casa tedesca svela una nuova tecnologia per gli interni basta su display AMOLED con feedback gestito dalla piattaforma d’intrattenimento MIB2+, dotata di una capacità di calcolo tale da gestire contemporaneamente più schermi in alta risoluzione e compatibile con la connessione mobile con standard LTE.  

Elettrico a trazione integrale

Audi espanderà la connettività dei futuri modelli con i servizi Car-to-X, ovvero le modalità di comunicazione tra l’auto e le strutture che la circondano, lo farà per esempio con i

servizi relativi ai segnali stradali “traffic sign information”, per l’Europa, o “traffic light informationonline” (USA) con cui la vettura attraverso la rete dati cellulare è collegata alla centrale operativa che controlla i semafori della città.

La strategia deAudi è rappresentata fisicamente al Ces dalla presenza della e-tron quattro concept. Il SUV sportivo a propulsione elettrica utilizza tre motori con una potenza complessiva di 370 kW in grado di garantire la trazione integrale e ottimizzare la stabilità, per un’autonomina dichiarata di 500 chilometri.

Stando a quanto affermato sul palco del Ces, queste soluzioni della casa dei quattro cerchi sono destinate ad essere inserite in un modello di serie a partire dal 2018.

Guida autonoma basata sul cloud

L’altro grande tema attorno a cui ruotano le novità della casa di Ingolstadt è la guida autonoma, a gestire tutte le funzioni per questo tipo di mobilità, sarà l’unità zFAS grazie alle informazioni provenienti da tutti i sensori della vettura: telecamere 3D, scanner laser e sensori radar ad ultrasuoni.

zFAS è dotata di una potenza di calcolo tale da consentire ls gestione e l’analisi dei dati tramite il database on-line Here, in cui convergono anche le informazioni degli altri due gruppi proprietari: Bmw e Daimler.

Con un approccio in stile Big Data, i veicoli a guida autonoma di Audi utilizzeranno per la navigazione i dati provenienti dal database tramite una tecnologia cloud ed in grado di ottenere la precisione riguardo al posizionamento e agli ostacoli, strumenti come questo sono indispensabili ad una self driving car per muoversi lungo un percorso con sicurezza.

Entusiasta

Federico Ferrero

Direttore Autoappassionati.it

Dì la tua

BMW al CES 2016 di Las Vegas

Kia Sportage FastTrack: beati i primi