in

Passione e amore per le auto: anche questo era Gina Lollobrigida

Tempo di lettura: 2 minuti

Stiamo parlando di Gina Lollobrigida, vera icona del cinema italiano e di Hollywood, morta lunedì 16 gennaio all’età di 95 anni. I funerali sono previsti per giovedì 19 gennaio. Durante la sua vita la “Lollo” è stata una grande amante delle auto ed ha posseduto modelli di gran prestigio, tra cui la Mercedes 190 SL e la Rolls-Royce Silver Cloud.

Per molti Gina Lollobrigida era anche chiamata la “Bersagliera” del cinema italiano ed ha rappresentato una delle attrici più importanti della storia del nostro Paese e non solo, come dimostrano i numerosi riconoscimenti internazionali.

Le auto di Gina Lollobrigida: la Mercedes 190 SL

Da grande appassionata di auto, Gina Lollobrigida amava farsi immortalare sulle sue vetture. Una delle auto di Gina Lollobrigida fu la Mercedes 190 SL, un’affascinante roadster che la “Lollo” acquistò nel 1956. Questa auto di Gina Lollobrigida era di colore argento ed aveva gli interni in pelle rossa, oltre ad un volante color Avorio ed un’iconica targa nera “Roma 262001”. Ha rappresentato il fiore all’occhiello della kermesse “Auto e Moto d’Epoca” del 2021. 

Mercedes-190-Sl-Lollobrigida

Per poter essere al meglio, questa auto di Gina Lollobrigida ha subito un restauro totale portando nuova vita alla Mercedes 190 SL, nel pieno rispetto dell’originalità, come si compiace ad una vera star.

Mercedes-Epoca-Lollobrigida

Per chi non conoscesse quest’auto di Gina Lollobrigida, parliamo della Mercedes 190 SL, modello che si rifà alla più costosa 300 SL. Deve la sua nascita all’importatore “Max” Hoffman. La Mercedes 190 SL venne presentata al pubblico nella sua veste definitiva al Salone di Ginevra del 1955.

Le auto di Gina Lollobrigida: la Rolls Royce protagonista dell’incidente con Zeffirelli

Durante la sua lunga vita la “Lollo” possedette anche altre auto, pariamo di una Rolls Royce Silver Cloud, ovvero l’imponente e lussuosa berlina prodotta dalla Casa britannica dal 1955 al 1966. Questa auto di Gina Lollobrigida aveva molti elementi comuni alla meccanica dell’S1 della Bentley. Le differenze? L’auto di Gina Lollobrigida, la Rolls Royce Silver Cloud aveva una forma del radiatore e altri dettagli minori diversi rispetto alla Bentley S1.

Lollobrigida Rolls Royce

Questa Rolls divenne una delle auto più famose di Gina Lollobrigida, poiché nel febbraio del ’69 fece un incidente nel quale rimase gravemente ferito il famosissimo regista e amico dell’attrice Franco Zeffirelli, mentre stavano raggiungendo Firenze per assistere alla partita di calcio Fiorentina-Cagliari.

Incidente Rolls Lollobrigida

Le auto di Gina Lollobrigida tra pubblicità e autografi

Oltre alle sue illustri auto personali Gina Lollobrigida prese parte anche alla campagna pubblicitaria per la presentazione della Citroen DS 19 sul magazine francese Paris Match nel 1955. Il modello realizzato dal designer italiano Flaminio Bertoni, diventa un’icona piena d’innovazione tecnologica cui ancora oggi molti si ispirano. Basti pensare che tra i numerosi optional della vettura erano presenti le sospensioni idropneumatiche che fece grandi la Citroen e le DS, le quali sono utilizzate ancor oggi nei modelli di lusso.

Citroen DS Lollobrigida

Recentemente, parliamo del 2022, tra le auto di Gina Lollobrigida si era aggiunta una Fiat 500, tanto che la star divenne socia onoraria del Fiat 500 Club Italia; parliamo dell’associazione che riunisce tutti gli appassionati della citycar italiana, fondato a Garlenda, in provincia di Savona, nel 1984 e che vede tra i suoi iscritti cittadini di ogni nazionalità del mondo appassionati all’iconica auto anni ’60.

Autografo Lollobrigida

Proprio in quell’occasione Gina Lollobrigida era salita a bordo su un’esemplare d’epoca di colore azzurro, che aveva successivamente autografato.

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    dacia spring 2023

    Dacia Spring Extreme: ora ha 65 CV e va più forte

    record 50anni bmw m

    Tempo di bilanci per BMW M: il 2022 è stato un anno da record