mercoledì, 18 ottobre 2017 - 20:35
Home / Notizie / Motorsport / Inaugurata all’Autodromo di Imola la mostra Formula Uno 1963-2006: la storia continua
Autodromo di Imola

Inaugurata all’Autodromo di Imola la mostra Formula Uno 1963-2006: la storia continua

Tempo di lettura: 2 minuti

C’è tutta la storia delle F1 sul circuito del Santerno nella mostra inaugurata al Museo “Checco Costa” dell’Autodromo di Imola dal titolo “Formula Uno 1963-2006: la storia continua”.

Dalla Maserati campione del mondo F.1 di Juan Manuel Fangio alla Ferrari campione del mondo di Michael Schumacher ci sono gran parte delle protagoniste del motorsport nella mostra aperta fino al 12 giugno 2017 al Museo Autodromo di Imola.

L’esposizione, dedicata alla storia della Formula 1 a Imola, ripercorre una lunga storia iniziata nel lontano 1963, con il Gran Premio Shell, il primo Gran Premio di F.1 sul Circuito intitolato a Enzo e Dino Ferrari.  Si tratta di un vero e proprio viaggio nel tempo grazie al quale gli appassionati potranno ammirare dal vivo vere e proprie glorie del motorsport più o meno recente, come la prestigiosa Maserati F.1 250 F di Juan Manuel Fangio e la Cooper F.1 di John Surtees) fino alla leggendaria Ferrari 248 F1 di Michael Schumacher, vincitore dell’ultima edizione nel 2006.

All’Autodromo di Imola fino al 12 giugno le F1 che hanno fatto la storia

Tale viaggio, percorso attraverso immagini e splendidi documenti video, si focalizzerà sui memorabili anni ’80, anni di grandi innovazioni tecniche nella massima serie, ma anche epoca dell’inizio dei Gran Premi ufficiali a Imola, con il Gran Premio d’Italia del 1980 e l’avvio dei Gp di San Marino nel 1981. In mostra troveremo anche la straordinaria Ferrari 156-85 di Michele Alboreto, a un passo dal mondiale del 1985 e protagonista dell’entusiasmante Gp di Imola di quell’anno, caratterizzato dalla squalifica di Alain Prost e dalle molte vetture a corto di benzina quando erano al comando della gara.

La collaborazione con la seconda edizione dell’ Historic Minardi Day prevede, inoltre, la presenza delle monoposto Minardi più significative nella storia della F.1 all’Autodromo di Imola e del team faentino: si potrà ammirare anche la M185, la prima formula uno della squadra di Gian Carlo Minardi, la M189 e la M193B guidata da Pierluigi Martini in quel maledetto Gp del 1994, l’ultima gara di Ayrton Senna, l’indimenticato campione che la mostra ricorda grazie all’importante contributo del fotografo Angelo Orsi, suo amico fraterno, e autore della celebre fotografia che rivelò al mondo le cause dell’incidente alla curva del Tamburello.

Autodromo di Imola

La storia F.1 all’Autodromo di Imola sarà quindi ripercorsa attraverso le avvincenti istantanee di tutte le partenze e con le locandine ufficiali di tutti i Gran Premi di Formula Uno disputati sul Circuito del Santerno; un percorso nella memoria valorizzato dalle testimonianze e dalle dichiarazioni storiche dei vincitori del Gp, dal 1963 al 2006, da Jim Clark fino a Michael Schumacher (ci sarà anche una rarissima intervista a Gilles Villeneuve) e completato dai dipinti di Giovanni Cremonini, riconosciuto “artista della F.1”.

Orario Mostra:

lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì, sabato, domenica e festivi h 10.00 – 18.00

martedì h 14.00 – 18.00

Ingresso Mostra: Intero euro 6, Ridotto euro 4

Info:  tel. 0542 655144 info@imolafaenza.it

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

6 Ore del Fuji

WEC: dominio Ferrari all’ombra del Fuji

Tempo di lettura: 2 minutiUna 6 Ore del Fuji dominata dalla Ferrari quella andata in scena sul circuito giapponese …