lunedì, 23 luglio 2018 - 17:35
Home / Notizie / Attualità / Automotoretrò 2018: a Lingotto Fiere tante emozioni tra presente e passato
Automotoretrò 2018

Automotoretrò 2018: a Lingotto Fiere tante emozioni tra presente e passato

Tempo di lettura: 3 minuti.

Apre i battenti domani Automotoretrò 2018, la rassegna dedicata al mondo delle storiche che giunge quest’anno alla sua 36° edizione.

Tanti i modelli che porteranno schiere di appassionati nei locali di Lingotto Fiere: dalla Land Rover Series 1 alla leggendaria Lancia Rally 037, da Marco Lucchinelli e Miki Biasion alla mitica Citroën 2CV, dall’1 al 4 febbraio saranno questi solo alcuni dei gioielli in mostra.

Per Automotoretrò 2018 si punta a migliorare i risultati del 2017 (65.000 le presenze) grazie all’aggiunta di un giorno e, per il nono anno consecutivo, all’evento Automotoracing che delizierà i palati fini nello spazio ricavato all’Oval, a pochi metri dai padiglioni.

Forti del successo degli ultimi anni, l’obiettivo per l’edizione 2018 è quello di raggiungere e superare quota 70.000 visitatori – spiega Beppe Gianoglio, che da più di tre decadi organizza la rassegna Automotoretrò -. Grazie all’ampia varietà delle iniziative in programma proponiamo un vero e proprio viaggio nel mondo dei motori a 360 gradi e dando la possibilità ad appassionati provenienti dall’Italia e da tutto il mondo di acquistare veri e propri gioielli a due e quattro ruote e di trovare il ricambio mancante o il modellino che completa la collezione, ma anche provare dal vivo l’adrenalina delle gare in pista”.

Appena entrati i visitatori si troveranno di fronte la Lancia Rally 037, erede di quella Stratos e antesignana della Delta Integrale che tanti cuori hanno fatto battere a cavallo degli anni ’70 e ’80. Quattro gli esemplari esposti: uno in versione stradale, due in allestimento da corsa con la livrea Martini Racing e Totip Jolly Club e uno che rappresenta l’evoluzione più moderna, progettato da un team di studenti del Politecnico di Torino e dotato di trazione integrale ibrida in un perfetto connubio di storicità e innovazione tecnologica.

La mostra tematica sarà anche il palcoscenico per la presentazione del libro Lancia Rally: nome in codice 037, scritto a quattro mani dall’ingegner Sergio Limone – progettista della vettura – e dal giornalista Luca Gastaldi, che insieme al pilota Miki Biasion racconteranno tra immagini inedite e testimonianze dirette la genesi e lo sviluppo tecnico del modello.

Ad Automotoretrò 2018 i 70 anni di due miti dell’auto

Il 2018 segna l’anniversario dei primi 70 anni di due nomi che hanno fatto la Storia dell’automobilismo: l’originale e indimenticata Citroën 2CV, prodotta in diverse generazioni e innumerevoli declinazioni e colori, e il marchio Land Rover, dal 1948 sinonimo di avventura e versatilità su tutti i tipi di terreno.

Presente poi FCA Heritage che porterà diversi modelli che faranno la gioia degli appassionati di auto storiche: Alfa Romeo Spider, Spidereuropa Pininfarina, Lancia Fulvia Coupé Montecarlo, Abarth 850 TC e due modelli di attuale produzione: la raffinata Abarth 695 Rivale e l’affascinante Fiat 124 Spider.

Ampio spazio sarà riservato alla compravendita di automobili nel Padiglione 1, interamente dedicato ai professionisti del settore che porteranno in fiera i loro gioielli più pregiati, mentre il settore centrale vedrà la

partecipazione dei numerosi club storici: Scuderia Jaguar Storiche, 2 CV, Veteran Car Club Torino, Veteran Car Club Bordino, Topolino Autoclub Italia, Fiat 500 Club Italia, Associazione Registro Storico Autobianchi, Registro Storico Italiano Land Rover, Club Nazionale Fiat Barchetta e molti altri.

Spettacolo e drifiting ad Automoracing

Automotoretrò 2018

Evento di contorno ma potremmo definirlo parallelo ad Automotoretrò 2018, Automotoracing svela la sua anima rock chiamando a fare da protagonisti vari pilota da rally che si esibiranno negli oltre 1.000 metri di tracciato ricavato nell’aria adiacente all’Oval.

Tra i tanti campioni al volante, Graziano Rossi – padre del nove volte campione del mondo Valentino Rossi – si esibirà con il Daba Team in una prova di drifting con scenografiche sbandate controllate alla guida di una potente Nissan 350Z, mentre i rallysti Alessandro Perico del team PA Racing e Simone Campedelli, vice campione italiano rally, del Team BRC scenderanno in pista rispettivamente a bordo di una Škoda Fabia R5 e di una Hyundai R5.

Per maggiori informazioni su biglietti e orari vi rimandiamo al sito ufficiale della manifestazione

 

 

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

verità sulla malattia di Marchionne

Grande Stevens: la verità sulla malattia di Marchionne

Tempo di lettura: 3 minuti. In una lunga e sentita lettera pubblicata sul Corriere della Sera di oggi, Franzo Grande Stevens, …

something