giovedì, 2 Aprile 2020 - 5:53
Home / Notizie / Attualità / Automotoretrò e Automotoracing 2020: un successo, oltre 73.000 spettatori
Automotoretro Automotoracing 2020

Automotoretrò e Automotoracing 2020: un successo, oltre 73.000 spettatori

Tempo di lettura: 2 minuti.

Stranieri in aumento tra il grande pubblico di Automotoretrò e Automotoracing 2020, che chiude un’edizione di successo al Lingotto di Torino, dove protagoniste sono state le youngtimer e “La Grande Sfida”.

Damiano De Tommaso, a bordo di una Skoda Fabia R5, e Silvia Rocchi su Peugeot 208 R2B i vincitori de “La Grande Sfida” e del “Trofeo Lady”, le due gare di velocità che nel weekend hanno emozionato il folto pubblico di AMR, che da quest’anno riunisce sotto un solo acronimo Automotoretrò e Automotoracing 2020, le due rassegne dedicate al collezionismo d’epoca, al mondo delle corse e delle alte prestazioni.

Il grande evento per gli appassionati di motori si è chiuso domenica 2 febbraio con oltre 73.000 visitatori accorsi al Lingotto Fiere e all’Oval di Torino, che nei quattro giorni hanno ospitato più di 1.200 espositori e circa 3.300 vetture tra instant-classic Anni ’90, lussuose berline tedesche, affascinanti spider due posti, inarrestabili 4×4 e ancora, leggerissime moto da trial spagnole, iconiche Delta con livrea Martini Racing e sfrontate vetture da rally. La grande e variegata platea – composta da appassionati e addetti ai lavori, piloti e curiosi – è arrivata a Torino da tutta Italia ed Europa, ma non solo: si è registrato, infatti, un aumento considerevole di presenze tra gli stranieri, in particolare tra i collezionisti inglesi e giapponesi.

L’edizione Automotoretrò e Automotoracing 2020 è stata un successo anche sul fronte commerciale, con centinaia di trattative private condotte da commercianti e privati che hanno schierato i loro migliori gioielli. In forte rialzo le quotazioni delle Youngtimer, in bella mostra nell’Area tematica realizzata in collaborazione con Catawiki nel Padiglione 2 e assolute protagoniste di AMR: un’auto su quattro in fiera è, infatti, una “giovane d’epoca” – vetture con almeno vent’anni d’età che si apprestano a diventare a tutti gli effetti le storiche di domani – confermando il trend che le vede al centro dell’attenzione dei collezionisti, soprattutto quelli più giovani che si stanno affacciando a questo mondo desiderosi di guidare l’auto che sognavano da bambini.

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

decreto 1 aprile 2020 dpcm giuseppe conte coronavirus

Decreto 1 aprile 2020: prolungamento chiusura attività e divieto spostamenti,

Il presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte pochi minuti fa, con un video messaggio …