in

Autovelox Svizzera: 4 giorni di prigione per aver superato il limite di velocità

Tempo di lettura: < 1 minuto

Autoveloxforcaiolo”, con questo aggettivo si può descrivere al meglio il ruolo che ha avuto il dispositivo in Svizzera, dove l’aver superato il limite di velocità a bordo di una vettura con targa italiana ha comportato una pena di 4 giorni di prigione.

Non si scherza con gli autovelox in Svizzera, si rischia la reclusione

L’aver infranto un limite di velocità in Svizzera è un vero e proprio reato. Questo è quanto si evince dopo una pena esemplare inflitta ad una automobilista. Tutti coloro che abbiano transitato dal paese elvetico sanno benissimo quanto questo paese possa essere rigido rispetto all’osservanza delle leggi ed all’applicazione delle sanzioni. Ne sa qualcosa una guidatrice italiana, la quale viaggiava ad una velocità di 47 km/h a fronte del limite di 30 km/h.

La cittadina italiana ha ricevuto una multa con tanto di comunicazione penale. La contravvenzione di 750 franchi, che se non pagata entro i termini consentiti prevede anche alcuni giorni di carcere, o di lavori pubblicamente utili. Quindi quando in Svizzera si supera il limite di velocità si rischia la galera. Ora viene naturale chiedersi se la medesima infrazione ha tale trattamento anche quando la targa è elveticaa. Per certo molti ticinesi in transito sul territorio italiano, partendo dalla provincia di Como, non trovano un tale rigore, né tantomeno incorrono nel rischio di finire dietro le sbarre.

commenti

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Io sono stato multato in Svizzera per eccesso di velocità (targa italiana),ho pagato la multa niente carcere ,questa persona sicuramente o si comportata male oppure non ha voluto pagare la multa. Cosi si dovrebbe agire anche da noi, forse qualcuno imparerebbe a guidare.

Loading…

0
Incidente Ferrari Enzo

Ferrari Enzo: il simbolo del Cavallino distrutto in un incidente

F1, ecco il verdetto FIA sul Budget Cap: Red Bull ha sforato, ma niente sanzioni