in

Avete mai visto la Ferrari station wagon? Appartiene al Sultano del Brunei [VIDEO]

Tempo di lettura: < 1 minuto

Prodotta dal 1992 al 2003, la Ferrari 456 GT montava un motore V12 e presentava soluzioni inedite che avremmo poi rivisto negli anni seguenti sulle sportive di Maranello. Oggi, però, non parliamo di lei, bensì della Ferrari 456 GT Venice, per gli amici l’unica Ferrari station wagon che abbia mai visto la luce.

Frutto del desiderio del ricchissimo Sultano del Brunei (Hassanal Bolkiah che, tempo addietro, era il 1996, decise che era arrivato il momento di avanzare una richiesta davvero particolare dietro la quale in Ferrari non poterono far altro che inchinarsi…al potere dei soldi.

A vederla così più che una station wagon si trattava di una shooting brake, mentre le 5 porte sono state quella variabile che mai si erano viste uscire col Marchio Ferrari sulla carrozzeria.

Il bello è che di queste vetture ne vennero prodotte 6, per il prezzo di circa 1,5 milioni di euro. Il suo design, dove a cambiare fu soprattutto il terzo volume (e relativo terzo montante) fu comunque curato da Pininfarina per conto di Ferrari, che approvò il progetto.

Infine, un ulteriore omaggio all’Italia voluto dal ricco, anzi ricchissimo (Forbes stima il suo patrimonio in 20 miliardi di dollari) Sultano del Brunei, ancora saldamente al comando del piccolo paese nel sud-est asiatico in cui vige la monarchia assoluta. Costui è a tutti gli effetti un grande appassionato di automobili: nella sua collezione si contano qualcosa come centinaia di Rolls Royce e svariate F1, oltre a rarissime hypercar (giusto per farvi un esempio, si pensa che siano sue almeno 5 esemplari della rara McLaren F1).

La Ferrari 456 GT Venice, però, vince a mani basse per l’originalità.

Dì la tua

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    alfa romeo 4c scuola guida

    Scuola guida con la 4C: l’idea geniale di un’autoscuola del Friuli

    nuovo logo stellantis

    Stellantis pubblica gli incoraggianti risultati finanziari di FCA e PSA