in

FlopFlop

Bastano 2999 euro per rendere estremo il design della Dacia Duster

Dacia Duster tuning estremo
Tempo di lettura: 2 minuti

Avete appena comprato una Dacia Duster e siete amanti dei cliché? Prior-Design ha pensato per voi un imperdibile kit che per una cifra decisamente abbordabile vi permetterà di trasformare completamente il look della vostra vettura. Il suo nome è semplicemente “Widebody Aero Kit” è già ordinabile ed è compatibile con tutte le Duster prodotte dal 2013 in avanti. Il risultato è a dir poco vistoso, i passaruota risultano allargati all’inverosimile e l’altezza da terra ridotta trasforma, almeno stilisticamente, il SUV in una berlina ad “alte prestazioni”.

Dacia Duster tuning estremo

Al posteriore prende posto un grosso diffusore impreziosito da due terminali di scarico, neanche a dirlo, di generose dimensioni. Per raccordare le carreggiate allargate con lo stile originale della vettura sono stati previsti due ampi solchi verticali che simulano un impianto per incanalare i flussi d’aria. Il frontale sembra composto da due vetture differenti allo stesso tempo, convivono infatti le forme tonde e rugged della Duster “liscia” con appendici e minigonne di ogni tipo dallo stile tagliente e aggressivo.

Dacia Duster kit Prior-Design: non tutto è compreso

Nei quasi 3.000 euro non sono, purtroppo, compresi gli scarichi, i cerchi in lega oversize e ovviamente l’assetto ribassato. In altri termini, Prior-Design fornisce un pacchetto di 5 componenti in vetroresina Dura-Flex, che secondo l’azienda garantiscono una flessibilità e una resistenza di prima categoria, oltre a permettere una facile verniciatura.

Dacia Duster tuning estremo

Dacia Duster kit Prior-Design: estrema in superficie mansueta sotto la pelle

Prior-Design non ha previsto alcuna elaborazione che vada oltre le appendici estetiche. Pertanto i propulsori rimangono invariati e, assetto escluso, non è stata pensata alcuna modifica che possa in qualche modo migliorare le prestazioni della vettura. Una classica “tutto fumo e niente arrosto” dunque, una di quelle elaborazioni che comunque attirano le simpatie della gente. Di “arrosto” la versione canonica ne ha, invece, molto per scoprire tutti i dettagli vi lasciamo alla nostra prova su strada.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Citytech2021, la mobilità del futuro in scena a CityLife: il primo giorno

    ACC Mercedes Stellantis

    Stellantis e Mercedes-Benz collaboreranno per la produzione di batterie