martedì, 10 Dicembre 2019 - 20:29
Home / Notizie / Attualità / Bollo auto 2019: le tre novità segnalate da Automobile.it
Bollo auto

Bollo auto 2019: le tre novità segnalate da Automobile.it

Tempo di lettura: 2 minuti.

Non potevamo non segnalarvi la pratica guida alle novità del bollo auto 2019, elaborata da Automobile.it, porta di proprietà del gruppo eBay, e pensata per aiutare gli automobilisti a destreggiarsi tra i dubbi e le domande sulle novità introdotte dalla Legge di Bilancio e dal decreto fiscale collegato alla nuova Manovra 2019.

Bollo auto 2019: sotto a chi tocca

Usate l’auto nel classico tragitto casa-lavoro? La usate per migliaia di chilometri ogni anno o solo per andare a fare la spesa? A prescindere dalle vostre abitudini, dal bollo auto non si scappa. Il bollo auto, infatti, è la tassa legata al possesso di un’autovettura regolarmente iscritta al Pubblico Registro Automobilistico che va pagata entro il mese successivo a quello dell’immatricolazione della vettura (a eccezione di chi è residente in Piemonte o Lombardia).

Il bollo si paga tramite bollettino postale, nelle rivendite di tabacchi abilitate e presso le delegazioni ACI o le agenzie di pratiche auto oppure online con carta di credito sul sito ACI.it o sul sito delle poste e via telefono con il Telebollo.

Per quanto riguarda il calcolo dell’importo da pagare bisogna tenere conto di due variabili: la potenza del veicolo espressa in kilowatt e la classe ambientale della propria vettura. C’è, inoltre, tutta una serie di esenzioni: totali per chi si avvale della legge 104, gli invalidi civili intestatari del veicolo, coloro che hanno fisicamente a carico una persona disabile; del 50% per chi possiede una vettura storica con età compresa tra i 20 e i 29 anni dotata di Certificazione di Rilevanza Storica.

Se non si è pagato il bollo?

Nessun problema. Basta avere da una parte il condono, previsto per tutte le cartelle esattoriali di importo fino a 1.000 euro notificate tra il 2000 e il 2010; dall’altra, procedere con la rottamazione. In questo caso è necessario fare domanda all’Agenzia delle Entrate per eliminare interessi e sanzioni e dovrà essere corrisposto l’importo in 10 rate uguali, in 5 anni a un tasso di interesse del 2%.

Le tre principali novità del bollo auto 2019

  1. Aumento dell’importo del bollo per le auto inquinanti
  2. Riduzione dell’importo del bollo per le auto storiche
  3. Introduzione del condono

Autore: Redazione Autoappassionati.it

Potrebbe interessarti

Icona design comunicazione RPR MAUTO

StudioRPR racconta la case history di ICONA Design Group al MAUTO

StudioRPR, società attiva nei progetti di sviluppo business, marketing e comunicazione, racconterà che cosa significa …