in

Bosch: inchiesta sui dispositivi di sicurezza nelle auto

Tempo di lettura: 3 minuti

Quando si parla di sicurezza, gli automobilisti tedeschi, francesi e italiani sono tutti d’accordo: i sistemi di assistenza alla guida rappresentano un aiuto prezioso, soprattutto in situazioni di pericolo.

Il sistema di rilevamento dell’angolo cieco (Blind spot) e quello per la frenata di emergenza sono fra le funzioni maggiormente richieste. Questo è quanto è emerso da un’indagine condotta, alla fine del 2012, da Bosch su un campione indicativo di automobilisti in Germania, in Francia e in Italia. “I sistemi di assistenza garantiscono maggiore sicurezza e comfort in auto, assicurando un’esperienza di giuda molto più sicura e rilassata“, dichiara Gerhard Steiger, presidente della divisione Bosch Chassis Systems Control. Bosch è stata la prima azienda al mondo ad aver avviato la produzione di sistemi di sicurezza come l’ABS e l’ESP, il sistema elettronico di stabilità. La multinazionale tedesca oggi fornisce a livello globale anche tecnologie innovative di assistenza al guidatore, come la frenata d’emergenza predittiva (predective emergency breaking) e il controllo adattivo della velocità (adaptive cruise control).

Acquirenti molto interessati e ben informati
I guidatori, quanto conoscono i più recenti sistemi di assistenza alla guida, come considerano la loro esperienza di guida giornaliera e come pensano che la tecnologia possa aiutarli? Queste sono alcune delle domande poste da Bosch agli automobilisti che, tra il 2009 e il 2012, hanno acquistato un’auto di fascia media o bassa. Nonostante gli intervistati abbiano affermato di possedere auto senza sistemi di assistenza o al massimo come optional, hanno dimostrato di essere ben informati sull’argomento. Una netta maggioranza, inoltre, si è dimostrata interessata a una tecnologia che fornisca assistenza e informazione, un connubio tra sicurezza e comfort di guida in situazioni stressanti come il traffico cittadino.

La maggior parte degli intervistati si vede come esperti guidatori, difficilmente distraibili alla guida. Tuttavia, il sondaggio Bosch ha rivelato che molti di loro, negli ultimi 12 mesi, si sono trovati in situazioni di pericolo: il 70% ha utilizzato la frenata d’emergenza, il 47% ha ammesso di non essersi sempre accorto del sorpasso di un altro veicolo in fase di cambio di corsia e al 34% è capitato, almeno una volta, di non sapere se frenare o semplicemente schivare un ostacolo. Le funzioni che forniscono una maggiore sicurezza alla guida sono, quindi, le più richieste: l’84% degli intervistati ha indicato il blind spot come primo sistema di sicurezza che adotterebbe, seguito dal sistema di frenata d’emergenza.

Gli automobilisti europei sono anche ben informati su tutte le più recenti tecnologie che possono rendere i loro tragitti in auto più piacevoli. Sia che guidino in autostrada o nel traffico cittadino, il controllo di guida intelligente permette al conducente di raggiungere la destinazione con meno stress. Di conseguenza, è normale che sia stato citato proprio il sistema ACC, dopo le funzioni di sicurezza, in cima alla loro lista dei desideri .

Aumento della domanda e dell’offerta di tecnologia automobilistica
L’indagine rivela, inoltre, che gli automobilisti sono sempre più favorevoli a ulteriori progressi nel campo della tecnologia automotive, dichiarandosi disposti ad accogliere anche la guida automatica. Metà degli intervistati ritiene che presto sarà tecnicamente possibile acquistare veicoli guidati interamente dal controllo elettronico: il 60% è a favore di questa tecnologia innovativa, purché si possa passare alla guida tradizionale in qualsiasi momento. Bosch sta lavorando anche a queste funzioni. Nel 2014, per esempio, lancerà un sistema di assistenza del traffico, che può frenare, accelerare o sterzare il veicolo in totale autonomia nel traffico autostradale. Progettato per supportare una velocità non superiore ai 50 km/h, il grado di automazione verrà aumentato con il passare degli anni.

I risultati dell’indagine, inoltre, sembrano confermare un argomento chiave di Bosch: i sistemi di assistenza alla guida, grazie alla loro tecnologia avanzata, si affermeranno velocemente anche nel mercato delle utilitarie. “Con la crescente domanda e disponibilità di tecnologia a prezzi accessibili, i costruttori potranno cogliere l’occasione per differenziarsi dalla concorrenza”, afferma Steiger. L’EuroNCAP ha sottolineato l’importanza dei sistemi di assistenza alla guida. Dal 2014, per ricevere le cinque stelle di valutazione la maggior parte dei nuovi modelli dovrà essere dotata di tali sistemi di assistenza. Bosch sostiene ampiamente questa nuova tendenza attraverso lo sviluppo e il miglioramento continuo dei suoi sistemi e sensori. In questa direzione, Bosch a inizio 2013 lancerà un radar low cost a medio raggio e nel 2014 una telecamera stereoscopica, che consentirà di concentrare in un’unica tecnologia tutte le funzioni rilevanti in ottica di test EuroNCAP.

Neopatentato

Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica.
La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Dì la tua

Tutte le novità BMW per il Salone di Francoforte 2013

Peugeot 3008 e 3008 HYbrid4: restyling per Francoforte 2013