in

Calendario Pirelli 2021 annullato causa Coronavirus

calendario pirelli 2021 annullato
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il Coronavirus ferma anche il calendario Pirelli 2021, è stata infatti annullata l’edizione prevista per quest’anno, soprannominato The Cal.

Pirelli, alla luce dell’attuale emergenza Coronavirus, ha deciso di annullare la realizzazione e il lancio del Calendario Pirelli 2021. Il progetto “The Cal”, nell’ambito delle iniziative già intraprese dalla società, donerà 100 mila euro a favore della lotta e della ricerca contro il Coronavirus.

“È già avvenuto in passato, nel 1967 e poi dal 1975 al 1983, che il Calendario Pirelli non fosse realizzato. La straordinaria emergenza Covid-19 ci spinge oggi a fare altrettanto. Ci rimetteremo al lavoro al momento giusto, insieme a coloro che oggi erano al nostro fianco nel progetto”, ha dichiarato il Vice Presidente Esecutivo e Amministratore Delegato, Marco Tronchetti Provera.

Le immagini che hanno fatto la storia del Calendario Pirelli

Come ha detto l’AD Pirelli Tronchetti Provera non è la prima volta che il calendario non viene realizzato, quindi l’annullamento del calendario Pirelli 2021 non è un unicum nella storia dell’oggetto di culto per molte persone.

Nel 1963 la Pirelli commissionò per la prima volta un calendario a tiratura limitatissima per celebrare la bellezza della donna. Nacque così il mitico The Cal, un’icona della fotografia realizzata in ben quarantasette edizioni.

La storia del Calendario Pirelli può fondamentalmente in tre periodi ben distinti:

  • la prima decade dal 1964 al 1974 (che venne seguita da lunga pausa di nove anni in conseguenza dell’austerity;
  • il secondo decennio dal 1984 al 1994 che permette la rinascita del Calendario Pirelli e il progressivo ritorno alla ribalta;
  • l’ultima era, dal 1994 ad oggi che ha permesso di consacrare il Calendario Pirelli come oggetto cult, in grado di fare tendenza.

Dì la tua

Ferrari FXX K

Mai visto una Ferrari FXX K in azione a Monza? [VIDEO]

Albert Uderzo

Albert Uderzo, lo scomparso “papà” di Asterix, era un collezionista Ferrari