lunedì, 12 novembre 2018 - 23:22
Home / Notizie / Motorsport / Carrera Cup Italia 2015: Agostini replica in gara 2 al Mugello
Autoappassionati

Carrera Cup Italia 2015: Agostini replica in gara 2 al Mugello

Tempo di lettura: 4 minuti.

Riccardo Agostini con la doppietta del Mugello dà una chiara impronta alla classifica assoluta della Carrera Cup Italia.

Il veneto dell’Antonelli Motorsport ha chiuso in Toscana una fine settimana trionfale che gli vale 20 punti di vantaggio su Côme Ledogar (Tsunami RT): il transalpino, infatti, per la prima volta dall’inizio della stagione non è riuscito a salire sul podio, dovendosi accontentare di un punticino conquistato ottenendo il giro più veloce. Il lionese è stato vittima di un contatto con Enrico Fulgenzi (Heaven Motorsport) all’inizio del quinto giro dopo una partenza prodigiosa dalla quinta posizione: alla staccata della San Donato ha tentato di affiancare all’esterno lo jesino che era scattato al comando della corsa domenicale dalla pole position. Il marchigiano in staccata ha toccato il cordolo interno e si è intraversato, colpendo la 911 GT3 Cup di Ledogar. Le due vetture sono finite in testacoda, mentre sopraggiungeva Riccardo Agostini che ereditava la testa della corsa, per iniziare una fuga che l’ha reso imprendibile. Fulgenzi è stato sanzionato dai commissari sportivi con un provvedimento che lo farà scivolare di tre posizioni nella griglia del prossimo appuntamento a Spa Francorchamps. Il padovano, invece, porta a casa il massimo dei voti: “Questa doppietta me la sono guadagnata tutta sul campo – racconta Riccardo – mentre quella di Monza era stata condizionata dai reclami. Conquistare due successi nello stesso weekend è stato molto difficile, per cui sono felice del risultato che abbiamo raggiunto con il team Antonelli”. I due successi toscani sono stati conditi dalla pole position del sabato e dal giro veloce in Gara 1, mostrando una netta supremazia che ha rotto l’equilibrio con Côme Ledogar.

PCCI 0002

Molto positiva la trasferta toscana di Gian Luca Giraudi (Antonelli Motorsport): il piemontese, vittorioso a Imola, ha colto un prezioso secondo posto che consolida la terza piazza nella graduatoria assoluta. È riuscito ad avere ragione di Alberto De Amicis nonostante un assetto anteriore non più in ordine dopo un contatto nelle prime fasi. L’abruzzese dell’Ebimotors cancella le delusioni dell’Enzo e Dino Ferrari e sale sul terzo gradino del podio assoluto, dimostrando di avere il potenziale per sfidare i piloti top, pur rafforzando la sua supremazia nella Michelin Cup, la classifica riservata ai gentleman driver. La prestazione di De Amicis evidenzia quale sia il livellamento dei valori in Carrera Cup Italia e che non solo i rookie dello Scholarship Programme possono fare belle figure nel monomarca tricolore più competitivo. Mattia Drudi ripete il quarto posto del sabato: il 16enne romagnolo della Dinamic Motorsport poteva ambire a tornare sul podio, ma mentre era quinto, dopo uno start dalla terza piazza, è scivolato in dodicesima posizione per un contatto causato da Riccardo Agostini. Il più giovane della griglia non si è avvilito, ma ha profuso tutte le sue energie in una rimonta che lo ha portato fino alla quarta posizione finale. Gara 2 dà morale a Stefano Colombo (LEM Racing) con il quinto posto: il piemontese forse ha trovato la chiave della messa a punto della 911 GT3 Cup, visto che si è sentito molto più a suo agio rispetto alla gara di ieri dove era in seria difficoltà a tenere il passo dei migliori.

È durata poco la corsa di Andrea Fontana (Ghinzani Arco Motorsport): il bellunese è finito nella sabbia al secondo giro dopo una dura chiusura di Aku Pellinen (LEM Racing). Il finlandese ha concluso ottavo alle spalle di Oleksandr Gaidai (Tsunami RT). Ha fatto poca strada anche il debuttante Andrea Russo (Antonelli Motorsport) ritirato al quarto giro dopo aver piegato l’ala contro Pietro Negra. Il lombardo aveva già patito una chiusura di Hans-Peter Koller che non lo aveva visto negli specchietti e gli aveva rovinato un braccio della sospensione. Takashi Kasai (Antonelli Motorsport) ha concluso la sua gara al decimo posto: il giapponese voleva vedere la bandiera a scacchi dopo l’incidente di sabato e l’ennesima vettura ricostruita dai ragazzi di Marco Antonelli e ha avuto la soddisfazione di precedere sul traguardo il cinese Da Sheng Zang (LEM Racing). In Michelin Cup la prestazione assoluta di Alberto De Amicis (Ebimotors) testimonia che il livello dei gentleman è altissimo: la conferma arriva da Alex De Giacomi (Dinamic Motorsport) sesto assoluto e secondo di classe. Il bresciano sembra aver cacciato la sfortuna che lo ha perseguitato nei primi due appuntamenti, per cui può ricominciare a guardare verso le posizioni che contano della graduatoria. Marco Cassarà (Ghinzani Arco Motorsport) con il terzo posto scivola a 15 punti da De Amicis, ma mantiene il posto d’onore nella Michelin Cup: il romano è stato urtato da Niccolò Mercatali (Dinamic Motorsport) lungo alla prima staccata.

PCCI 0001

Il prossimo appuntamento sarà in programma a Spa Francorchamps il 24 e 25 luglio in concomitanza con la prestigiosa 24 Ore GT: nella trasferta estera si disputerà solo una gara di 50 minuti alla quale parteciperanno anche i piloti della Carrera Cup France. A tutti gli iscritti che saranno in Belgio verranno riconosciuti 20 punti di partecipazione che si sommeranno a quelli di gara. Gli appassionati che vorranno rivivere gli emozionanti Round 5 e 6 potranno gustarsi il video on demand su YouTube accedendo a Porsche Carrera Cup Italia Channel. Gli highlights della gara si potranno vedere con l’applicazione i-Pad di Autosprint e sul sito di Eurosport (https://it.eurosport.yahoo.com), mentre per analisi, commenti e retroscena collegatevi al Pit Live su www.omnicorse.it. Su Twitter l’account è @CarreraCupItaly oppure @auto_app e l’hashtag per seguirci è #venividivici.

La classifica di Gara 2:1. Riccardo Agostini (Antonelli Motorsport) 16 giri in 30’51”057 alla media di 163,210 km/h; 2. Gian Luca Giraudi (Antonelli Motorsport) a 9”438; 3. Alberto De Amicis (Ebimotors) a 10”782; 4. Mattia Drudi (Dinamic Motorsport) a 12”786; 5. Stefano Colombo (LEM Racing) a 16”608; 6. Alex De Giacomi (Dinamic Motorsport) a 17”163; 7. Oleksandr Gaidai (Tsunami RT) a 19”108; 8. Aku Pellinen (LEM Racing) a 20”277; 9. Marco Cassarà (Ghinzani Arco Motorsport) a 30”556; 10. Takashi Kasai (Antonelli Motorsport) a 36”724; 11. Da Sheng Zhang (LEM Racing) a 39”123; 12. Pietro Negra (Ebimotors) a 1’05”349; 13. Hans-Peter Koller (TAM-Racing) a 1’09”179; 14. Côme Ledogar (Tsunami RT) a 1 giro.

Giro più veloce: il 12. di Ledogar in 1’54”086 alla media di 165,506 km/h.

Le classifiche

Assoluta: 1. Agostini punti 96; 2. Ledogar punti 76; 3. Giraudi 59; 4. Drudi 42; 5. De Amicis 28; 6. Gaidai 20; 7. Colombo 17; 8. Fulgenzi 14; 9. Fontana e Zhang 12; 11. Pellinen 8; 12. De Giacomi 5; 13. Cassarà 4; 14. Negra 3; 15. Kasai, Koller 2; 17. Mercatali e Gerhard 1.

Michelin Cup:1. De Amicis punti 45; 2. Cassarà 30; 3. Mercatali 22; 4. De Giacomi 21; 5. Negra 15; 6. Negroni 11; 7. Proietti 4; 8. Walter Ben 3.

Team: 1. Antonelli Motorsport 91; 2. Tsunami RT punti 72; 3. Antonelli Motorsport 59; 4. Dinamic Motorsport 43; 5. Ebimotors 31; 6. LEM Racing 25; 7. Ghinzani Arco Motorsport 16; 7. 8. Heaven Motorsport 14; 9. TAM-Racing 2.

Le statistiche:

Vittorie:Agostini 4, Ledogar e Giraudi 1
Pole Position:Ledogar 2, Agostini 1
Giri più veloci:Agostini 3, Ledogar 2, Colombo 1.

Autore: Matteo Di Lallo

Potrebbe interessarti

Ocon Verstappen

Scintille Ocon Verstappen al Gran Premio del Brasile, mentre la Ferrari esce ancora una volta sconfitta

Questo mondiale di F1 ha ancora qualcosa da dire dopo l’ennesimo titolo della schiacciasassi, e …