mercoledì, 15 Luglio 2020 - 21:23
Home / Notizie / Tecnologia / “Ciao BMW” spiega lo Sterzo Integrale Attivo
Ciao BMW

“Ciao BMW” spiega lo Sterzo Integrale Attivo

Tempo di lettura: 2 minuti.

Il BMW Intelligent Personal Assistant, ovvero l’assistente vocale che si attiva con la frase “Ciao BMW”, aumenta le sue capacità. Un esempio? Ora è in grado di spiegare agli occupanti il funzionamento del BMW Integral Active Steering (Sterzo Integrale Attivo).

BMW Intelligent Personal Assistant: “Ciao BMW”, come funziona?

Gli assistenti personali sono uno strumento quotidiano ai giorni d’oggi. Nello scorso anno alcuni costruttori hanno deciso di inserire all’interno del proprio sistema di infotainment un proprio assistente personale, senza richiamare Apple CarPlay e Android Auto

Ciao BMW
Il sistema BMW Integral Active Steering in azione a basse velocità

Sulla base di questo, BMW ha creato un software in grado di imparare le routine e le abitudini del guidatore e applicarle nel contesto appropriato.

Alle funzionalità già conosciute come “Ciao BMW, ho freddo” oppure “Ciao BMW, Portami a casa”, ora si aggiunge la possibilità di chiedere spiegazioni sul comportamento dinamico della vettura. È il caso del sistema di Sterzo Integrato Attivo che è spiegato attraverso il comando “Ciao BMW, come funziona lo Sterzo Integrale Attivo?” avviando un video sul display della vettura con una spiegazione dettagliata.

Come funziona lo Sterzo Integrale Attivo?

Il BMW Integral Active Steering (Sterzo Integrale Attivo), è un sistema disponibile come optional sulla gamma alta di BMW, dalla BMW Serie 5 a salire. Questo, si avvale di uno sterzo elettromeccanico delle ruote anteriori (completo di assistenza sterzante Servotronic sensibile alla velocità e rapporto di sterzo variabile) abbinato da un asse posteriore sterzante. In questo modo le capacità di handling della vettura aumentano perché il passo è virtualmente ridotto.

Dunque, se facciamo un esempio con la BMW Serie 5, ridurre il passo che registra un valore di 2,98 metri è molto utile per il conducente, specie per un utilizzo urbano. A basse velocità le ruote posteriori si muovono in controfase permettendo una manovra più agile mentre, ad alte velocità, queste lavorano in fase permettendo così un inserimento più rapido.

Autore: Andrea Genre

Potrebbe interessarti

ford tomtom

Il nuovo SYNC di Ford con le mappe TomTom e il Live Traffic

Arriverà in futuro su tutti i modelli Ford ma, per partire, verrà proposta sul SYNC …