martedì, 7 Luglio 2020 - 18:26
Home / Notizie / Motorsport / Citroen C3 WRC: pronta per il salto di qualità?
Citroen C3 WRC

Citroen C3 WRC: pronta per il salto di qualità?

Tempo di lettura: 3 minuti.

Il Rally di Argentina si è concluso con un doppio ritiro per il Citroen Total Abu Dhabi WRT e le due C3 WRC ufficiali, un weekend frustante per certi aspetti ma che ha messo in mostra, ancora una volta, il potenziale della nuova vettura del Double Chevron.

Le cose non sembravano mettersi male al debutto giovedì scorso nello shakedown e ancor di più nella prima giornata di prove speciali venerdì 28: la PS3 ha visto la Citroen C3 WRC n°7 al secondo posto, a meno di dieci secondi dal leader. Primo colpo di scena nella PS4 quando Meeke ha cappottato atterrando su un argine e giungendo così con diversi minuti di ritardo alla fine della PS. Anche Craig Breen ha concluso la speciale al rallentatore. Come il suo compagno di squadra, a causa di una compressione, l’irlandese non ha potuto evitare un colpo al sottoscocca contro un sasso, danneggiando il cambio, che è rimasto bloccato in quinta.

Per i danni subiti, le due auto sono state costrette all’abbandono sul tratto di collegamento senza concludere la prova. Per permettere ai loro equipaggi di continuare il Rally di Argentina il mattino successivo, i meccanici e gli ingegneri del Citroen Racing hanno lavorato intensamente per ovviare ai danni rimettendo in carreggiata la vettura con un lavoro da applausi. Sulla C3 WRC di Craig Been i danni non finivano mai: a causa dell’impatto del giorno prima si riscontrava una perdita d’olio che ha costretto il pilota a non partecipare a tutte le prove della seconda tappa.

Dopo una speciale dedicata a verificare il funzionamento della sua auto, Kris Meeke ha ritrovato il ritmo siglando due migliori tempi (PS11 e 12) prima dell’assistenza di metà giornata. Sfortunatamente il secondo passaggio nelle speciali si è concluso con un’altra uscita di strada. La Citroen C3 WRC del pilota irlandese ha urtato un argine ad alta velocità nella PS14 e si è ribaltata per ben otto volte, rendendo definitivo l’abbandono.

Domenica è rimasto solo Craig Breen a difendere i colori del team. Al suo debutto nella prova, l’irlandese ha proseguito l’apprendimento su un terreno così particolare. Quarto nella El Condor – Copina e terzo nella Mina Clavero – Giulio Cesare, ha mostrato la sua capacità di adattarsi e migliorare. Nell’ultima assistenza il team ha deciso tuttavia di ritirare la vettura, per poter usufruire per i prossimi rally della quota di ricambi imposta dal regolamento.

C3 WRC: la prestazione c’è

Avevamo la capacità di centrare il nostro obiettivo, la vittoria“, spiega Yves Matton, Direttore di Citroën Racing. “Kris ha infilato una serie di primi e secondi tempi, a dimostrazione del livello di performance della C3 WRC. Anche le crono di Craig di domenica, nel vivo della lotta per la vittoria, confermano questo fatto. Ma non siamo riusciti a concretizzare. Dall’inizio della stagione stiamo pagando molto cari gli ostacoli che troviamo sulla nostra strada. Dobbiamo continuare a lavorare, senza abbassare la guardia, perché siamo sicuri che i nostri sforzi saranno ricompensati. Il nostro approccio è sempre quello di attaccare, mirando non semplicemente a un risultato nel Campionato del Mondo, ma a vincere i rally. Questo implica assumersi dei rischi.”

Tra i punti d’orgoglio del week-end, il lavoro dei meccanici è in cima alla lista. Il ripristino della C3 WRC di Kris Meeke dopo l’uscita di venerdì sarà annoverato tra i grandi exploit della squadra. “I nostri meccanici rappresentano indubbiamente il miglior team di rally degli ultimi quindici anni“, sottolinea Yves Matton. “Si sono impegnati al massimo per riportare in strada la vettura, che già il giorno successivo era al top, come dimostrano i due scratch siglati da Kris. Ci rattrista che i loro sforzi non siano stati ripagati. E’ sempre un peccato perdere un’auto, ripartita nel Rally2, per una nuova uscita di strada.”

Al rientro dal Sud America il team avvierà la preparazione dei prossimi rally. Una sessione di prove, programmate in Italia, permetterà di preparare i rally del Portogallo e della Sardegna. La prossima prova (18-21 maggio) vedrà schierate ben quattro Citroën C3 WRC, pronte a dare una svolta a questa stagione per molti versi sfortunata

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

camilleri leclerc

Camilleri elogia Leclerc e critica la Ferrari: “serve una reazione”

Il consueto lunedì di analisi dopo il Gran Premio d’Austria si è arricchito della dichiarazione …