in

Citroen C4 X: interni, motori, prezzo, prova in anteprima

Tempo di lettura: 11 minuti

Citroen C4 X ci è stata descritta dai responsabili del progetto del Double Chevron come un vero crossover. Secondo me, però, la parola che racconta alla perfezione l’ultima nata in casa Citroen è proprio una parola francese, mélange. Citroen C4 X punta infatti ad unire tre mondi apparentemente distanti in un’unica auto. L’estetica da SUV che ormai la fa da padrona viene mescolata con un corpo vettura da compatta media, riprendendo la fortunata formula della C4 “normale”. A tutto ciò viene poi aggiunta una coda che fa crescere di quasi 25 cm le dimensioni di Citroen C4 X. Questa terza novità rende l’auto una tre volumi che sfoggia un classico in via di estinzione: il bagagliaio separato dall’abitacolo.

Un po’ berlina a tre volumi, un po’ SUV, un po’ compatta, Citroen C4 X si propone come l’auto che mancava. C4 X è un trait-d’union, per proseguire con i francesismi, tra le compatte di segmento C, i SUV e le berline di segmento D di categoria superiore. Il risultato è una vettura dallo stile molto particolare, che “veste” bene i vestiti scuri, con un bagagliaio estremamente capiente e una guidabilità che, come su C4, regala un comfort che si ispira alle grandi Citroen del passato. I motori di Citroen C4 X, poi, accontentano tutti i gusti, almeno per il mercato italiano.

Se infatti in diversi mercati la C4 “con la coda” è offerta solo in versione elettrica, in Italia Citroen C4 X è elettrica, benzina ma anche Diesel. Tutto questo è poi condito con una bella dose di eccentricità tipica del Double Chevron, e con un prezzo di Citroen C4 X che la rende estremamente concorrenziale. A chi si rivolge un crossover a tre volumi con portellone separato e incentrata sul comfort? E come va su strada? Scopriamo tutto nella nostra prova in anteprima di Citroen C4 X, dalle dimensioni al prezzo passando per motori e interni. Abbiamo provato sia Citroen C4 X a benzina che l’elettrica e-C4 X intorno a Madrid, città dove sia C4 che C4 X sono costruite.

Dimensioni Citroen C4 X: 24 cm in più in coda, stesso stile di rottura

A livello di dimensioni, Citroen C4 X si posiziona un gradino sotto l’ammiraglia di Casa, la C5 X che con lei condivide uno stile di rottura e diverse soluzioni originali. Rispetto alla normale C4, infatti, Citroen C4 X cresce di 24 cm, portando la compatta francese alle porte del Segmento D delle berline medio-grandi. Queste sono, nel dettaglio, le dimensioni di Citroen C4 X:

  • Lunghezza 4,60 metri
  • Larghezza 1,83 metri
  • Altezza 1,53 metri
  • Passo 2,67 metri

Rispetto ai 4,36 metri della Citroen C4 “tradizionale”, quindi, le dimensioni di Citroen C4 X sono decisamente più generose. Analizzando nel dettaglio i dati, però, si nota come l’auto sia cresciuta proprio nella discussa coda. Il passo, di 2,67 metri, è rimasto invariato rispetto a C4. A livello estetico, quindi, le proporzioni sono inevitabilmente cambiate. Nonostante quanto si possa pensare e a dispetto delle dimensioni, Citroen C4 X riesce a “vestire” questa coda lunga in maniera piuttosto elegante e pulita. A livello estetico, infatti, Citroen C4 X rimane invariata rispetto alla normale C4 nel frontale e fino al montante centrale. Citroen ha quindi confermato il design di rottura della C4 di terza generazione, che sta portando grandi soddisfazioni a questo modello.

Citroen C4 X laterale

Dopo una seconda generazione di C4 a dir poco anonima e degli anni ’10 senza la sua vera identità, Citroen sta portando negli anni ’20 una vera rivoluzione. Addio mainstream, e bentornate soluzioni estetiche di rottura, diverse da tutti gli altri. Il frontale con la sottile striscia a LED superiore e il grosso gruppo ottico inferiore full LED, il cofano lungo e scolpito e i passaruota e paraurti in plastica grezza a mo’ di SUV, seppur davvero originali, convincono parecchio. Tutto ciò regala al frontale di C4 (e ovviamente a C4 X) un look tanto particolare quanto personale. Lateralmente, il fascione paracolpi che cita gli “AirBump” della fu C4 Cactus caratterizza una fiancata molto personale, che fa a meno però della linea del tetto molto discendente di C4. La coda e il posteriore di Citroen C4 X sono infatti le zone dove la vettura è cambiata di più. Il lunotto è anche qui molto discendente, con uno stile quasi da fastback (termine tecnicamente improprio in quanto una fastback ha il portellone completo di lunotto, come la cugina Peugeot 408). L’inclinazione, però, è più dolce e progressiva.

Citroen C4 X bagagliaio1

Il terzo volume, non troppo accentuato per non risultare “vecchio”, è caratterizzato da fari full LED orizzontali che richiamano nello stile quelli della sorellona C5 X, un posteriore piuttosto bombato e un accenno di spoiler a coda d’anatra che movimenta il posteriore di Citroen C4 X. Stupisce un po’, poi, il doppio scarico sdoppiato della C4 X termica. Il vero punto di forza delle dimensioni di Citroen C4 X è però il bagagliaio. I 510 litri di capacità sono un dato estremamente interessante. Nonostante non si raggiungano i livelli di praticità di un SUV o di una wagon, la bocca d’accesso è decisamente larga, e la larghezza del vano è di ben 1.010 mm. A spiccare è l’aumento di ben 130 litri rispetto alla C4 a due volumi. Abbattendo il divano posteriore, si arriva ad una capacità massima di 1.360 litri. Da segnalare infine che, come su C4 berlina e su altre vetture realizzate sulla piattaforma CMP, anche C4 X offre una capacità di carico invariata in versione elettrica.

Interni Citroen C4 X, robusti e funzionali

Gli interni di Citroen C4 X sono invece pressoché invariati rispetto a quelli della normale C4. Per conoscere nel dettaglio le nostre opinioni sulla compatta francese, vi rimandiamo alla nostra prova su strada di Citroen C4. Analizzando però nel dettaglio l’abitacolo della compatta francese, notiamo come nello stabilimento Citroen di Madrid sia stato fatto un ottimo lavoro di assemblaggi. Sebbene infatti i materiali non siano dei più nobili, gli interni di Citroen C4 X appaiono curati e privi di sbavature. Le plastiche di plancia, tunnel centrale e pannelli porta sono infatti piuttosto rigide, ma lavorate con una goffratura che le rende interessanti. Finiture e accoppiamenti, in definitiva, non prestano il fianco a particolari critiche.

Citroen C4 X interni

Per il resto, la plancia e gli interni di Citroen C4 X puntano sulla stessa unione tra soluzioni minimaliste e tecnologiche e altre più tradizionali di C4, con il medesimo spazio per “genialate” da vera Citroen. Al centro della plancia spicca infatti lo schermo da 10 pollici dell’infotainment di bordo, che ha subito un importante miglioramento rispetto al passato. Il sistema MyCitroen Drive Plus infatti è più fluido e veloce, anche se alcune icone e scritte sono forse un po’ troppo piccole in alcune situazioni di guida. Non mancano Android Auto e Apple CarPlay, anche in versione wireless, mentre non possiamo che apprezzare i comandi del climatizzatore automatico bizona e dei comandi dei sedili riscaldati fisici, davvero comodi e appaganti da usare.

Convincono anche i comandi sulle razze del piacevole volante, belli da vedere e da usare, così come la presenza di serie dell’Head-Up Display. Gli interni di Citroen C4 X poi sfoggiano alcuni tocchi di “genialità francese”. Un esempio? L’originale ma sorprendentemente pratico supporto per tablet sul sedile del passeggero, ideale per l’intrattenimento e molto solido nell’utilizzo, o la mensola rialzata che ospita il pad per la ricarica wireless. Quest’ultimo è dotato anche di una grande spia che fa capire al primo sguardo se il telefono si sta ricaricando o meno, un dettaglio questo spesso negletto da alcuni costruttori. Non convince a pieno, invece, il cruscotto digitale di Citroen C4 X. Sebbene sia di qualità e facile da leggere, il quadro strumenti è fin troppo minimalista, con poche informazioni mostrate allo stesso tempo e una diagonale di 5,5 pollici. Stona infine, sulle C4 X termiche, la presenza di un contagiri di piccolissime dimensioni e alternato alle informazioni sulla guida assistita o ai consumi.

Citroen C4 X sedili1

Menzione di merito infine per i protagonisti indiscussi degli interni di Citroen C4 X, i sedili. Belli da vedere e da toccare, gli Advanced Comfort Seats sono dotati di una schiuma ad alta densità spessa ben 15 mm, che permette di avere il massimo relax anche nei viaggi lunghi. Al posteriore, invece, il divano condivide lo spazio per le gambe da riferimento nel segmento C. Il divano è stato inclinato raggiungendo ora i 27°, in modo da offrire un’ambiente che Citroen non si tira indietro a definire “da limousine”.

Motori Citroen C4 X: all’elettrica si affiancano un benzina e un Diesel

Passiamo allora alla meccanica e ai motori di Citroen C4 X, invariati rispetto alla C4 da cui deriva. C4 X è infatti l’automobile più lunga a sfruttare la piattaforma modulare CMP del Gruppo Stellantis, pensata per le auto di segmento B e C dell’ex-Gruppo PSA. Questa scelta tecnica porta alcuni vantaggi, ma anche altrettante soluzioni che denotano la parentela con auto più piccole. Citroen C4 X ed e-C4 X sono infatti più leggere della media del Segmento C. Il peso a vuoto per la 1.2 PureTech da 100 CV con cambio manuale si attesta a soli 1.225 kg, e salgono a poco meno di 1.600 kg per la e-C4 X. Le sospensioni, invece, sono McPherson all’anteriore, mentre dietro troviamo un classico ponte torcente.

Citroen C4 X logo posteriore

A livello di motori, Citroen C4 X offre quattro motorizzazioni e tre alimentazioni per il mercato italiano. La versione d’accesso per il listino del nostro Paese è formata dalla C4 X 1.2 PureTech 100, dotata del 1.2 tre cilindri turbo da 100 CV e 205 Nm di coppia, disponibile in combinazione con il cambio manuale a 6 marce. L’apprezzato tre cilindri a benzina è proposto anche nella più potente versione 1.2 PureTech 130, disponibile unicamente con cambio automatico EAT8 a otto marce. Questa è la C4 X termica più vivace, capace di scattare da 0 a 100 km/h in 10,3 secondi (contro gli 11,6 secondi della 1.2 PureTech 100). Un po’ a sorpresa, poi, Citroen C4 X offre anche l’efficiente 1.5 BlueHDi quattro cilindri turbodiesel da 130 CV e 300 Nm di coppia. Privo di modulo mild hybrid, il motore a gasolio “liscio” offre prestazioni vivaci (0-100 km/h in 10,8 secondi) e consumi che, nel ciclo misto WLTP, si avvicinano a 21 km/l.

Citroen C4 X logo elettrica

La versione di punta della gamma motori di Citroen C4 X è invece l’elettrica e-C4 X. Derivata totalmente dalla e-C4 come per il resto delle motorizzazioni, e-C4 X utilizza ancora il “vecchio” powertrain elettrico. Il motore anteriore eroga infatti 136 CV e 250 Nm di coppia, e la batteria è da 50 kWh netti. Le prestazioni velocistiche in modalità Sport (la più spinta delle tre disponibili dopo Normal ed Eco) sono le migliori della gamma (0-100 km/h in 10,0 secondi netti). Secondo Citroen, la coda aerodinamica e il lavoro di affinamento sul motore aiutano non poco l’autonomia e l’efficienza. Grazie anche all’uso di un sistema di riscaldamento a pompa di calore, l’autonomia di Citroen C4 X si attesta a 360 km nel ciclo misto WLTP. I consumi omologati, invece, si attestano a 15,4 kWh/100 km. La ricarica arriva fino ad una potenza massima di 100 kWh in corrente continua, permettendo così di passare dallo 0 all’80% in 30 minuti.

Oltre ai motori, Citroen C4 X punta tanto sul comfort anche dal punto di vista tecnico. Sebbene infatti non ci siano le leggendarie sospensioni idropneumatiche che hanno reso grandi le Citroen del passato, C4 X punta sul sistema Advanced Comfort Suspension. Sia davanti che dietro troviamo infatti il classico schema con ammortizzatori e molle elicoidali. L’ammortizzatore è però coadiuvato dal sistema PHC, Progresse Hydraulic Cushion. Si tratta, in sostanza, di un fine corsa dell’ammortizzatore formato da un “cuscinetto” idraulico. Sebbene non sia quindi un vero sistema pneumatico, promette sulla carta di offrire una risposta molto più filtrata e progressiva sulle asperità più dure. Ma tutto questo regalerà il famoso “effetto tappeto volante” anche a Citroen C4 X?

Prova su strada Citroen C4 X: parola d’ordine relax

Abbiamo messo alla prova nelle strade intorno a Madrid due Citroen C4 X, la 1.2 PureTech 130 con cambio automatico a 8 marce EAT8 e l’elettrica e-C4 X da 136 CV. Nei circa 200 km percorsi abbiamo potuto saggiare le qualità di C4 X, che ha confermato tutti i punti di forza della “normale” C4. L’aggravio di peso rispetto alla C4 berlina, infatti, è contenuto in meno di 20 kg. Va da sé che, complice il passo invariato, il comportamento stradale sia praticamente lo stesso. Alla guida, Citroen C4 X trasmette calma, tranquillità e relax, grazie ad un’ottima insonorizzazione a comandi davvero leggeri e poco affaticanti.

Citroen C4 X guida termic

Lo sterzo è leggerissimo, tanto da poter essere mosso con un dito, ma non rinuncia ad una buona dose di precisione. Su strada, Citroen C4 X si dimostra agile e leggera, con un buon passo e un’ottima manovrabilità. Nonostante gli oltre 20 cm in più infatti condivide con C4 un ottimo raggio di sterzata di 10,6 metri, e grazie ad un terzo finestrino montato proprio nel generoso montante posteriore la visibilità rimane molto buona. Ad aiutare la manovrabilità ci pensa l’ottimo sistema di telecamere a 360°, dalla qualità decisamente alta. Peccato per l’unione delle quattro telecamere, non delle più raffinate. Ciò che stupisce a bordo di Citroen C4 X è però il livello di comfort e relax che l’auto è in grado di regalare in ogni condizione. In città lo sterzo leggerissimo e le sospensioni morbide isolano bene dal traffico urbano. In autostrada, invece, l’auto è stabile e silenziosa, sia con motore termico che in versione elettrica.

Tra le curve, invece, come C4 anche Citroen C4 X regala il massimo relax a chi guida, senza però risultare mai troppo morbida. Nello specifico, grazie al peso delle batterie posizionate sotto il pianale e-C4 X ha poco rollio tra le curve, procedendo spedita e stabile anche ad andature allegre. La C4 X a benzina, invece, si corica un po’ di più in curva, ma sempre nei limiti di un comportamento stradale sicuro e piacevole. Non è ovviamente l’auto da strapazzare tra le curve, ma grazie alla sua agilità e leggerezza si comporta bene anche nel misto veloce.

Per quanto riguarda le peculiarità delle due motorizzazioni, Citroen C4 X con motore benzina 1.2 PureTech da 130 CV convince per delle prestazioni buone ma mai eccessivamente vigorose, una buona insonorizzazione e per le poche vibrazioni. Il cambio automatico EAT8 si conferma invece fluido e pronto nella risposta, mentre i 1.225 kg di peso aiutano guidabilità e consumi. Con un po’ di attenzione, infatti, si possono raggiungere i 18 km/l tra autostrada e percorso extraurbano. La elettrica e-C4 X, invece, regala sprazzi di vivacità in modalità Sport (dove eroga tutti i 136 CV) e Normale. La modalità Eco, invece, è perfetta per la guida rilassata in città. Riducendo la potenza a 60 kW (82 CV) e la velocità massima a 90 km/h, però, fuori città risulta un po’ impacciata. L’efficienza, invece, è più che buona, con una media di 20/21 kWh/100 km nei circa 130 km percorsi. La buona autonomia ha limitato al massimo l’ansia da autonomia, permettendoci di arrivare a destinazione con oltre il 60% di autonomia residua con temperature molto rigide intorno agli 0°C, riscaldamento acceso e un tragitto montano piuttosto impegnativo.

Prezzi Citroen C4 X: a chi è rivolta la francese?

Citroen C4 X non è un’auto dall’indole sportiva o eccessivamente dinamica, proprio come C4. Il comfort di bordo, però, è davvero eccellente, e la facilità di guida unita alla sua agilità permettono al crossover francese di rivelarsi la perfetta compagna di viaggio nella vita di tutti i giorni. Sia in autostrada che in città che nei percorsi pieni di curve, C4 X non è mai in affanno. In ogni viaggio però è sempre garantito il massimo relax e comfort a tutti i passeggeri. L’ultimo dei punti a favore di Citroen C4 X è il listino prezzi, estremamente interessante.

Ormai infatti siamo assuefatti a crossover e SUV intorno ai 4,50 metri con prezzi di partenza ben superiori ai 30.000 euro. Il listino prezzi di Citroen C4 X, invece, segue quello che abbiamo visto sulla C4 normale, ovvero un rapporto qualità-prezzo ottimo. Scegliendo la versione d’attacco Feel con motore 1.2 PureTech da 100 CV e cambio manuale, il listino prezzi di Citroen C4 X parte da 25.300 euro. Si parla quindi di meno di 1.000 euro in più rispetto alla C4 equivalente, offerta a 24.800 euro. Questo delta-prezzo interessante si un delta prezzo che si mantiene per tutta l’offerta. La versione Feel ha già un buon allestimento, in quanto offre di serie infotainment da 10 pollici con Apple CarPlay e Android Auto, Cruise Control, mantenitore attivo di corsia, strumentazione digitale da 5,5 pollici, sospensioni Advanced Comfort, volante in pelle, clima automatico bizona e fari Full LED anteriori e posteriori. La e-C4 X elettrica in versione Feel è offerta a 38.300 euro, un buon prezzo per una EV di queste dimensioni. Il rincaro rispetto alla e-C4 equivalente, poi, è di soli 300 euro.

Citroen C4 X elettrica posteriore guida

La versione più interessante del listino prezzi di Citroen C4 è la Shine. Questo allestimento offre infatti il navigatore, il pad per la ricarica Wireless, il Cruise Control Adattivo con funzione Stop/Go e l’Head-Up Display. Il prezzo della Citroen C4 X? La 1.2 PureTech è offerta a 31.300 euro, che diventano 32.800 per la 1.5 Diesel e a 40.800 per la e-C4 elettrica. Il listino prezzi di Citroen C4-X offre quindi offrendo contenuti e spazio paragonabili alle dirette concorrenti. I prezzi, però, sono inferiori addirittura al prezzo di partenza di alcune di esse.

Vista anche la ridotta differenza economica con la C4 “normale”, a chi è rivolta Citroen C4 X? La sua carrozzeria è molto particolare, capace di regalare ancora più originalità alla già personale C4. Il portellone posteriore privo di lunotto potrebbe essere un limite per alcuni, ma invece un plus per altri. Ci sono mercati, infatti, dove auto con il bagagliaio separato dall’abitacolo piacciono, come quello spagnolo, francese e non solo. Alcune categorie professionali come tassisti, rappresentanti e NCC amano questo tipo di vetture. Altri, invece, apprezzano l’isolamento acustico e termico di una soluzione di questo tipo, che rimanda un po’ indietro nel tempo quando le “berline” erano ancora sulla cresta dell’onda. Le concorrenti di Citroen C4 X, per questo, non sono facili da trovare essendo quest’auto un mix di diverse ideologie. Tra i SUV e crossover “coupé” troviamo come rivali Renault Arkana e la cugina Peugeot 408, forse le più simili per concetto a C4 X.

Questa sua unicità però può essere la forza di Citroen C4 X. Priva di vere e proprie dirette concorrenti, Citroen C4 X propone un bagagliaio grande e ben sfruttabile per la sua conformazione, una guida che punta tutto sul comfort e uno stile, seppur molto soggettivo, che la rende più cresciuta e matura rispetto alla giocosa C4. Il tutto con un prezzo di listino davvero concorrenziale. Citroen C4 X è, quindi, un’auto originale, giocosa e diversa da tutte le altre, ma nonostante questo pragmatica e adatta a famiglia, lavoro e tempo libero. Per chi vuole distinguersi e non avere la “solita” compatta o il classico SUV, questo mélange alla francese potrebbe stupire.

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    Ferrari Gina Lollobrigida

    La Ferrari di Gina Lollobrigida: nel 2011 guidò la 430 Scuderia [VIDEO]

    Clarkson Prime

    Jeremy Clarkson fuori da Amazon? Le parole che non doveva dire