giovedì, 26 aprile 2018 - 11:30
Home / Archivio / Citroen DS5: nuovo turbo diesel Euro 6
Autoappassionati

Citroen DS5: nuovo turbo diesel Euro 6

Tempo di lettura: 2 minuti.

Con un incremento di 20 CV rispetto alla generazione precedente, merito di alcune soluzioni motoristiche all’avanguardia, il nuovo propulsore turbo diesel promette un piacere di guida ai massimi livelli con una consistente riduzione dei consumi e delle emissioni di CO2.

Grazie ad un nuovo turbo a geometria variabile e all’aumento delle pressioni di sovralimentazione e di combustione, la nuova unità fa registrare una potenza massima di 133 Kw e una coppia massima di 400 Nm a 2000 giri/min.

Con netto anticipo rispetto alla normative il nuovo motore 2.0 BlueHDI 180 permette di rispettare la norma Euro 6 in materia di emissioni. I consumi si attestano allo straordinario valore di 4,4 litri ogni 100 Km mentre le emissioni fanno segnare l’ottimo risultato di 114 g/Km.

Risultato reso possibile grazie alla linea di scarico costituita da un catalizzatore di ossidazione installato all’uscita del motore, per eliminare gli idrocarburi (HC) e il monossido di carbonio (CO) prodotti dalla combustione; da un modulo SCR (Selective Catalytic Reduction), posizionato a monte del filtro antiparticolato, per trasformare, grazie all’iniezione di Adblue® (urea), fino al 90% degli ossidi d’azoto (NOx) in vapore acqueo (H2O) e in azoto (N2), entrambi innocui; da un filtro antiparticolato con additivo, installato in anteprima mondiale nel 2000 dal gruppo PSA Peugeot Citroën, per eliminare fino al 99,9% del particolato.

In abbinamento al motore turbo diesel viene fornito un cambio automatico a 6 marce di ultima generazione che riduce i regimi di funzionamento del motore grazie a un adattamento delle demoltiplicazioni più ampia. Le prestazioni allo spunto vengono mantenute ma viene ridotto il regime motore a velocità più elevata.

Inoltre alcuni piccoli ma importanti accorgimenti hanno permesso di ridurre ulteriormente i consumi. La riduzione delle perdite meccaniche da attriti del motore e del cambio, l’alleggerimento del gruppo motopropulsore (7kg in meno), la resa della combustione migliorata, con camera di combustione low CO2 e l’integrazione dello Stop&Start alternatore-motorino d’avviamento su questa motorizzazione BlueHDi per citare gli interventi più particolari.

In materia di riduzione delle vibrazioni e di confort acustico gli ingegneri francesi sono intervenuti introducendo nuovi alberi di equilibratura per quel che riguarda l’ambito motoristico. Mentre nel comparto handling nuovi sospensioni permettono di attenuare le imperfezioni della strada e ridurre i sobbalzi per più comfort a parità di qualità dinamiche. La tecnologia PLV (preloaded linear valve) è una tecnologia progressiva che assicura una migliore fluidità alla compensazione degli sforzi nell’ammortizzatore.

Autore: Matteo Di Lallo

Potrebbe interessarti

Binomio al vertice per DS Virgin Racing nella tappa argentina della Formula E

Tempo di lettura: 2 minuti. Il Team DS Virgin Racing sbarca fiducioso in America del Sud per l’ePrix di Buenos …

something