mercoledì, 21 novembre 2018 - 20:44
Home / Notizie / Motorsport / Citroen, il motorsport e i rally: una storia fatta di successi
Citroen C3 WRC

Citroen, il motorsport e i rally: una storia fatta di successi

Tempo di lettura: 2 minuti.

Il momento tanto atteso per i fan del WRC è arrivato: il Campionato del Mondo Rally 2018 si appresta a debuttare sulle strade mitiche di Montecarlo.

In questa occasione una rinnovata Citroen C3 WRC, giunta al suo secondi anno di partecipazione, farà il suo debutto insieme alle avversarie in questa nuova stagione. Comincia un nuovo anno, che rappresenta, però, solo un tassello di una lunga storia fatta di partecipazioni ai rally per il Marchio francese.

Le origini di un mito e le prime vittorie

Il rally inizia a diventare un elemento di distinzione per il Marchio negli anni ’80, quando le leggendarie Gruppo B, attiravano l’attenzione del mondo intero. Visa 1000 Pistes e BX 4TC, protagoniste dell’epoca iniziavano a far entrare nel mondo degli appassionati di rally il nome di Citroen.

La Casa francese compie il suo passo più importante nel 1989, quando il reparto corse assume il nome di Citroen Sport e si pone il suo primo obiettivo, la Parigi-Dakar. Non passa molto dalla prima partecipazione che è subito vincente, con il mitico Ari Vatanen che si aggiudica la aggiudica nel 1991. Il Marchio francese è ormai lanciato e con Pierre Lartigue si porta a casa anche le edizioni del 1994, 1995 e 1996.

La vettura protagonista era senza dubbio la ZX Grand Raid che ha conquistato 36 primi posti in 42 gare e 5 Coppe del Mondo FIA rally-raid. La Dakar e i grandi rally-raid non sono altro che l’anticamera del Mondiale rally, che arriva nel 1999, con la Xsara Kit-Car, guidata da Philippe Bugalski. Il pilota francese vince il Rally di Catalogna e il Tour de Corse, mentre nel 2001 una nuova Xsara WRC pilotata da Jesus Puras vince il Tour de Corse.

Loeb e i successi WRC

Per Citroen il 2003 rappresenta l’anno della prima stagione completa nel Mondiale, che inizia con la tripletta al Rally di Monte Carlo di Loeb, McRae e Sainz con il primo titolo di Campione del Mondo Costruttori che non si fa attendere e arriva al termine della stagione con la replica per le due successive. L’anno dopo il debutto, nel 2004, Sebastien Loeb e Daniel Elena si aggiudicano il primo di nove titoli Piloti.

Al temine della stagione 2005, Citroen lascia le competizioni per un anno, lasciando la Xsara e sviluppando ad hoc la nuova C4 WRC, con cui il Marchio francese si mette in bacheca altri tre titoli, dal 2007 al 2010. L’anno dopo, arriva il momento di cambiare nuovamente auto ed entra in scena la Citroen DS 3 WRC con cui Loeb nel 2011 e nel 2012 vince tutto quello che si può vincere.

Il WTCC e il grande ritorno

Dopo questo successi il “Cannibale” molla la presa per dedicarsi al nuovo progetto che coinvolge tutto il team Citroen Racing: il Campionato del Mondo FIA WTCC. Ancora una volta, dove Citroen partecipa diventa tutto territorio di conquista e, infatti, in tre anni le Citroën C-Elysée WTCC ottengono 50 vittorie in 69 gare, con José María López che si aggiudica tre titoli mondiali consecutivi.

Nonostante la presenza poco presidiata, nel frattempo il Marchio francese è rimasto nel WRC, ma si sta preparando per un nuovo cambio auto, che avviene nel 2017 con l’arrivo della C3 WRC, l’ultima nata nel reparto Citroen Racing.

Dopo un anno, questo appena passato, di rodaggio, nel quale Chris Meeke ha portato a casa un settimo posto, ora siamo ai blocchi di partenza della stagione 2018, con la possibilità di scrivere ancora grandi pagine del Motorsport targato Citroen.

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

crash di macao

Un nuovo video analizza il terribile incidente di Macao: ecco come sta Sophia Floersch

Sophia Floersch può ritenersi una ragazza davvero fortunata. Se fino a ieri in pochi conoscevano la …