martedì, 16 ottobre 2018 - 13:45
Home / Notizie / Motorsport / Clio Cup Italia, Imola 2018: una tappa tra sorprese e conferme
Clio Cup Italia Imola 2018

Clio Cup Italia, Imola 2018: una tappa tra sorprese e conferme

Tempo di lettura: 2 minuti.

Ad Imola è andato di scena il quinto doppio appuntamento della Clio Cup Italia che ha conosciuto due protagonisti differenti, Felice Jelmini (Composit Motorsport) vincitore di Gara 1 e Simone Di Luca (Faro Racing), che, grazie al successo ottenuto nella manche del pomeriggio, ha allungato il passo nella classifica del monomarca di cui detiene il primato.

La prima gara Clio Cup Italia della domenica ha regalato numerosi colpi di scena, con il poleman Jelmini che è salito sul podio con Massimiliano Danetti (MC Motortecnica) secondo e Bostjan Avbelj (Lema Racing), vincitore virtuale della gara al termine della quale è stato penalizzato con cinque secondi per un taglio di pista. A terminare le ostilità con il quarto posto è stato Matteo Poloni (Essecorse) anche lui punito con cinque secondi per un contatto avvenuto nei confronti di Jelmini nelle fasi calde della gara. Stesso destino anche per Di Luca, sesto sotto la bandiera a scacchi.

In Gara 2  della Clio Cup Italia a finire sotto i riflettori sono stati ancora una volta Di Luca, Avbelj e Jelmini che hanno acceso una bella sfida per la prima posizione. A mettere tutti dietro è stato Di Luca, che ha preso il comando delle operazioni nelle battute iniziali della corsa, in cui ha trovato sulla sua strada un più che veloce Poloni, scivolato indietro successivamente. Un problema tecnico invece ha compromesso la gara di Luca Rangoni (Essecorse), che ha fatto appello alla sua consolidata esperienza nelle ruote coperte per raggiungere il quarto posto. Bene Danetti, quinto, che ha preceduto il compagno di squadra Lorenzo Vallarino (MC Motortecnica) e Filippo Distrutti (Nextone Motorsport), rispettivamente sesto e settimo.

Nella Clio Cup Press League si sono alternati al volante della Clio RS 1.6 turbo preparata dall’Oregon Team, Emiliano Perucca Orfei e Guido Meda. Il primo in Gara 1 è stato protagonista di un testa coda che lo ha costretto a faticare non poco per conquistare il nono posto e la leadership della classe dedicata ai giornalisti. Nel pomeriggio è stato il turno di Meda, autore di una prestazione senza sbavature, fino a rimanere coinvolto in un contatto alla Villeneuve che lo ha visto sfilare indietro. Una volta rientrato in pista, il commentatore della MotoGP è riuscito a terminare la gara 14°.
Clio Cup Italia Guido Meda

La classifica dopo 10 gare della Clio Cup Italia (top 10): 1. Simone Di Luca (Faro Racing) 178 punti; 2. Felice Jelmini (Composit Motorsport) 151; 3. Bostjan Avbelj (Lema Racing) 107; 4. Matteo Poloni (Essecorse) 80; 5. Luca Rangoni (Essecorse) 77; 6. Massimiliano Danetti (MC Motortecnica) 67; 7. Christian Mancinelli (Melatini Racing) 62; 8. Filippo Distrutti (Nextone Motorsport) 55; 9. Guglielmo Pipolo (Essecorse) 38; 10.Andrea Mosca (Faro Racing) 32.

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

Rally due Valli

Rally due Valli: Paolo Andreucci all’undicesima affermazione nazionale può solo festeggiare

Indecisione fino alla fine, sia per il campionato sia per il Rally due Valli, la …

something