lunedì, 17 dicembre 2018 - 7:20
Home / Notizie / Sicurezza / Crash test Euro NCAP 2017: le migliori per ogni categoria
Euro NCAP 2017

Crash test Euro NCAP 2017: le migliori per ogni categoria

Tempo di lettura: 2 minuti.

Euro NCAP, i famosi test per la sicurezza ai quali ogni nuova auto non può scampare, ha pubblicato la lista delle 7 migliori vetture divise per categorie. I crash test hanno dato il massimo responso, le celebri “cinque stelle” ai seguenti modelli: Volkswagen Arteon, Volkswagen T-Roc e Polo, Volvo XC60, Opel Crossland X, Subaru XV e Impreza. 

Nel 2017, forti del loro ventennale, i crash test di Euro NCAP sono stati resi più severi, nell’ottica di offrire ogni giorno sempre maggior sicurezza agli automobilisti europei. A questo contribuiscono i sempre più onnipresenti sistemi ADAS, in altri termini i sistemi di assistenza alla guida. Ad esempio la frenata automatica d’emergenza è ormai presente sulla maggior parte dell’auto e sull’82% delle 7 auto esaminate. Notevoli miglioramenti, poi, si sono registrati anche nella sicurezza passiva con particolare riferimento alla protezione degli adulti e dei bambini a bordo.  

Tra le Executive Volkswagen Arteon si è conquistata il primo posto: ottime le valutazioni in tutte le categorie valutate, con il primato per la protezione dei pedoni (85%)  grazie alla presenza del dispositivo “cofano attivo”, in grado di attutire l’eventuale impatto e diminuire al massimo gli effetti negativi dell’urto.

Tra i SUV medio/grandi Volvo porta la sua nuova XC60. In diverse prove ha ottenuto il massimo dei punteggi (urto laterale contro barriera e palo). Menzione particolare al sistema di frenata automatica di emergenza proposto di serie su tutta la gamma. Unici nei la protezione del torace del passeggero posteriore in caso di urto frontale ‘pieno’ contro barriera e la protezione della testa del pedone in caso di urto con alcune zone del cofano. Ancora una volta Volvo ha posto al primo posto la sicurezza, come evidenziato dalla nostra prova su strada in anteprima.

Invece, tra i SUV piccoli, Opel Crossland X, che propone in optional la frenata d’emergenza, ha ottenuto ottimi punteggi nei test della protezione dei bambini in caso di urto frontale contro barriera e nella protezione delle gambe del pedone in caso di urto contro il paraurti. Scarsamente influenti, invece, le piccole defaillance rilevate: bassa protezione del torace del passeggero posteriore in caso di urto frontale con barriera e regolazione non ottimale dei poggiatesta posteriori, con scarsa protezione al colpo di frusta.

Tra i crossover c’è una novità: a pochi mesi dal debutto Volkswagen T-Roc si è messo in evidenza per l’ottima protezione di adulti e bambini a bordo, ottenendo inoltre il massimo punteggio nelle prove di urto laterale, contro barriera e palo. Molto buone le performance dei sistemi di assistenza alla guida presenti di serie su questo modello, optional solo il cruise control.

 Spazio alle compatte, dove Volkswagen Polo, proposta di serie con la frenata automatica d’emergenza, ha ottenuto buone percentuali in tutte le categorie, non così bene nella sicurezza attiva non essendo un’auto di segmento premium.

Tra le famigliari vere e proprie, due posizioni tra le le TOP 7 conquistate da Subaru, Casa che ormai si è votata alla sicurezza dopo un passato dedicato alla sportività. Le nuove XV e Impreza hanno infatti convinto nei crash test, specialmente in termini di sicurezza passiva per adulti e bambini.

Per riassumere, ecco i punteggi delle 7 auto valutate dai test Euro NCAP 2017

Euro NCAP 2017

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Big Data

Ford: la città sarà più sicura grazie ai Big Data

Ford tra studi e smart mobility: grazie ai Big Data si scoprono le aree più …