in

Dacia Duster 2018 | Prova su strada in anteprima

Tempo di lettura: 8 minuti

Alla guida della Dacia Duster 1.5 dCi da 110 CV 4×4

Dacia Duster 2018

Saliti a bordo della nuova Dacia Duster 2018 abbiamo subito trovato la posizione di guida ideale grazie alle numerose regolazioni disponibili. Il volante è regolabile sia altezza che in profondità. Il sedile del conducente è dotato di bracciolo, regolazione lombare e un nuovo meccanismo di regolazione in altezza. Inoltre la seduta dei sedili è stata allungata di 20 mm a tutto vantaggio del comfort.

Per il nostro test abbiamo scelto la versione diesel 1.5 dCi da 110 CV 4×4, con cambio manuale a 6 rapporti in allestimento top di gamma Prestige.

Se una delle critiche della generazione precedente riguardava la rumorosità di marcia, il problema su questa nuova Duster non si pone più. Infatti l’isolamento acustico ha beneficiato di una particolare attenzione. Nell’abitacolo, il livello sonoro è stato dimezzato, soprattutto grazie al trattamento della rumorosità di rotolamento, con materiali più insonorizzanti. Durante il nostro test abbiamo apprezzato molto il lavoro fatto, un salto in avanti importante per il comfort di marcia.

Dacia Duster 2018 offroad

Trattandosi di una vettura a trazione integrale non potevamo esimerci dal testare le prestazioni della nuova Dacia Duster 2018 anche in off road dove si conferma a suo agio come il modello precedente. Invariata la generosa altezza da terra di 210 mm, gli sbalzi molto corti con angoli di superamento ostacoli accentuati (30°attacco, 34° uscita), un peso piuma di circa 1.300 kg. L’avantreno Mc Pherson è stato rinforzato appositamente per l’off-road e il retrotreno è modificato, da ponte torcente (4×2) a multilink a ruote indipendenti (4×4). La trasmissione poi è stata progettata con una prima molto corta che simula una marcia ridotta per fondi dissestati, ma in generale tutte le marce fino alla quinta sono abbastanza corte con la sesta di riposo.

Il 1.5 è una vecchia conoscenza e non delude mai, specialmente riguardo ai consumi che nel ciclo misto si attestano sui 4.7 l/100 km. Bene la presenza del sistema di assistenza in discesa (Hill Descent Control) che aumenta il controllo del veicolo in caso di forti pendenze e l’assistenza alle partenze in salita (Hill Start Assist) che facilita la guida nelle condizioni più difficoltose. C’è anche il  sistema di controllo dell’angolo cieco, (Blind Spot Warning) costituito da quattro sensori a ultrasuoni disposti ai quattro angoli del veicolo. Molto buono anche l’angolo di sterzata e il feeling generale con lo sterzo.

In estrema sintesi la Dacia Duster 2018 è migliorata sotto tanti punti di vista, sopratutto il comfort, mantenendo inalterato il suo DNA e i punti di forza che l’hanno resa celebre. Se a questo aggiungiamo che il prezzo non è cambiato, non è un azzardo dire che è la miglior scelta per chi cerca un’auto essenziale con tanta sostanza, magari a trazione integrale.

[button color=”red” size=”medium” link=”https://www.autoappassionati.it/dacia-duster-2018-prova-strada/2″ icon=”” target=”false”]Design[/button]
[button color=”red” size=”medium” link=”https://www.autoappassionati.it/dacia-duster-2018-prova-strada/3″ icon=”” target=”false”]Interni[/button]
[button color=”red” size=”medium” link=”https://www.autoappassionati.it/dacia-duster-2018-prova-strada/5″ icon=”” target=”false”]Gamma Motori[/button]
[button color=”red” size=”medium” link=”https://www.autoappassionati.it/dacia-duster-2018-prova-strada/6″ icon=”” target=”false”]Prezzi e Allestimenti[/button]
[button color=”red” size=”medium” link=”https://www.autoappassionati.it/dacia-duster-2018-prova-strada/7″ icon=”” target=”false”]Scheda Tecnica[/button]
[button color=”red” size=”medium” link=”https://www.autoappassionati.it/dacia-duster-2018-prova-strada/8″ icon=”” target=”false”]Gallery[/button]

Guidatore della domenica

Federico Ferrero

Direttore Autoappassionati.it

Autore
Euro NCAP 2017

Crash test Euro NCAP 2017: le migliori per ogni categoria

Porsche Italia

Da un 2017 record a un 2018 di novita’: si apre così l’anno di Porsche Italia