martedì, 16 gennaio 2018 - 10:39
Home / Notizie / Motorsport / Dakar 2014: Gerard de Rooy a bordo dell’Iveco Powerstar in testa alla classifica

Dakar 2014: Gerard de Rooy a bordo dell’Iveco Powerstar in testa alla classifica

Tempo di lettura: 2 minuti. 

Alla Dakar 2014 Gerard De Rooy ha immediatamente rotto gli indugi dimostrando il proprio impegno a portare Iveco sul più alto gradino del podio per la seconda volta, dopo il successo ottenuto nell’edizione 2012. Dopo una prima tappa difficile, veloce e ricca di insidie, De Rooy è passato all’attacco vincendo la seconda tappa e portandosi al comando della classifica.

L’edizione 2014 del rally più famoso del mondo ha avuto inizio sabato 5 gennaio, con la tappa tra Rosario e San Luis lunga 180 chilometri cronometrati. Gerard De Rooy ha concluso la prima prova in quarta posizione, a un solo minuto e 33 secondi di distacco dal pilota Kamaz Ayrat Mardeev.
Sebbene breve, il percorso si è subito rivelato complesso per i 300 veicoli in gara, a cause delle strade strette e scivolose. Nonostante le difficoltà, l’Iveco Powerstar ha comunque permesso a De Rooy di rimanere subito dietro al leader della corsa.

Nel corso della seconda tappa, De Rooy e Stacey hanno decisamente dimostrato di voler combattere per la vittoria, riportando ottimi risultati: un primo posto per De Rooy e un quarto posto per Stacey. Il percorso di 400 chilometri sulla rotta da San Luis a San Rafael, caratterizzato da molte buche, dune e nessuna possibilità di sorpasso, ha dato filo da torcere ai piloti.

Gerard de Rooy ha commentato : “Quella di oggi è stata una dura prova. Siamo stati sempre dietro a Mardeev che aveva un distacco di sei minuti su di noi. Al 313° chilometro il pilota Kamaz ha capottato attraversando un canyon molto stretto. Noi eravamo proprio dietro di lui, per cui ci siamo sportivamente fermati a soccorrerlo. Il passaggio era però davvero stretto per permetterci di sorpassarlo e questo ci ha fatto tardare di ben 23 minuti”.

Una grande vittoria dunque per Iveco, che ha raggiunto i vertici della classifica, nonostante le difficoltà. Anche Hans Stacey ha fatto un’ottima performance piazzandosi in quarta posizione al termine della gara e ottenendo così un quarto posto nella classifica generale. Nel complesso un buon risultato per tutta la squadra Petronas Iveco De Rooy, con Jo Adua in nona posizione e Pep Vila al 16esimo posto, piazzamenti importanti e utili per poter intervenire rapidamente a soccorso, se necessario, dei compagni di squadra.

“Abbiamo fatto un’emozionante seconda tappa e al momento guidiamo la classifica. La battaglia ha avuto inizio immediatamente, appena lasciata alle spalle la cittadina di Rosario. Mi chiedo cosa ci riserverà questa edizione della Dakar nei prossimi giorni” – ha commentato Tom Colsoul, co-pilota di De Rooy. “Per il momento comunque siamo al primo posto”.

La terza tappa ha condotto i concorrenti da San Rafael a San Juan, con una temperatura massima di 36 gradi. E’ stata l’ultimo giorno in cui i mezzi pesanti sono partiti dopo le autovetture. A partire dalla quarta tappa, di oggi, l’ordine di partenza sarà determinato dalla classifica generale. Il percorso di ieri per i camion e per le auto prevedeva un collegamento di 292 chilometri, seguito da una speciale di 301 km e, infine, un percorso di trasferimento di 4,8 chilometri fino al bivacco di San Juan ed è stato vinto da Karginov su Kamaz.

Ecco la classifica generale alla terza tappa:

​1. ​De Rooy ​Iveco Powerstar ​10.10.53 ​

2. ​Van Vliet MAN ​10.29.42 ​

3. ​Karginov ​Kamaz ​10.50.03

​4. ​Stacey ​Iveco ​10.56.29

​5. ​Loprais Tatra 10.56.51 ​

6. ​Shibalov Kamaz 10.57.46 ​

7. ​Nikolaev Kamaz ​10.58.52

​8. Viazovich MAZ 10.59.43 ​

9. ​Vila Roca Iveco ​11.07.31

​10. ​Adua Iveco ​11.10.24

11. ​Kolomy Tatra ​11.11.54

Autore: Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica.
La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Potrebbe interessarti

Formula E Marrakech

Formula E Marrakech: terzo posto per DS Virgin Racing

Tempo di lettura: 2 minuti. Sam Bird, dopo la vittoria all’esordio della quarta stagione, ha ben impressionato nella tappa marocchina …

something