in

Dallara Stradale EXP: il sogno dell’Ing.Dallara solo per la pista [VIDEO]

dallara stradale exp
Tempo di lettura: < 1 minuto

Si chiama Dallara Stradale EXP, è stata mostrata in anteprima assoluta durante la prima giornata del Milano Monza Motor Show e ha già catturato le dovutissime attenzioni. Parliamo della variante omologata solo per la pista della celebre Dallara Stradale, creata nel 2017 dall’estro creativo dell’Ing.Dallara che, per i suoi 80 anni, decise di regalarsi la prima vettura costruita dalla sua azienda, specializzata nel motorsport, per la vita di tutti i giorni.

Con la Dallara Stradale EXP, probabilmente, nessuno potrà prendere la macchina a Parma, recarsi sul ponente ligure a gustarsi un buon piatto di pesce e tornare in serata passando dalla Cisa e dalle sue tante curve. No perchè la Stradale EXP, ripresa per i primi test a Monza subito dopo l’unveiling del MiMo, è qualcosa di estremamente più spinto.

Ancora non appare chiaro sul come cambierà sostanzialmente la vettura. Sappiamo che verrà ritoccata nella parte aerodinamica, riuscendo a creare fino a 1.200 kg di carico (la Stradale si ferma a 800 circa), così come sarà irrigidito l’assetto, cambiati gli pneumatici e, probabilmente, ritoccata la potenza del 2.3 Ecoboost di scuola Ford che oggi mette su strada 400 CV.

Tante modifiche ma, grazie alla proverbiale scocca di carbonio voluta dall’Ing. per la sua creatura, anche tanta riduzione di peso. Lì si giocherà la partita ma voci interne parlano di addirittura 2,7 G di accelerazione laterale in curva e, nonostante la minor potenza, tempi paragonabili a una Ferrari 488 Pista. Insomma, prima di pensare all’elettrico c’è ancora tempo per una Dallara Stradale assolutamente fuori dagli schemi.

Dì la tua

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    nuova ferrari v6

    La nuova supercar Ferrari il prossimo 24 giugno? L’anticipazione su YouTube [VIDEO]

    ERaid 2021

    Viaggiare in elettrico, oggi, si può? La nostra esperienza con ERaid e la 1.000 km green