in

Discovery Sport e le 5 tecnologie invisibili

Tempo di lettura: 3 minuti

La Discovery Sport, ora disponibile in 170 Paesi, ha già conquistato 40.000 clienti in tutto il mondo, grazie ad un mix vincente di design, versatilità e tecnica.

La tecnologia più recente è integrata nell’intero veicolo ed include alcune tecnologie invisibili che agiscono tramite una rete di sensori che misurano praticamente tutto: dall’intensità dei raggi solari alla qualità dell’aria in cabina, alla brina e alla pioggia sul parabrezza, senza alcun intervento del guidatore.

Sensore di Intensità dei Raggi Solari

La Discovery Sport monta sulla plancia un sensore che ogni 200 millisecondi misura l’intensità dell’irraggiamento solare e regola automaticamente il climatizzatore per neutralizzare il calore che penetra nell’abitacolo.  

Transitando da una zona ombreggiata ad una in pieno sole, il sistema incrementa impercettibilmente la potenza del climatizzatore, calcolando perfino l’angolo di incidenza dei raggi solari, per combatterne l’effetto sulla temperatura dell’abitacolo. Viene misurata anche l’umidità interna, in modo da effettuare una perfetta regolazione della climatizzazione e mantenere la temperatura programmata.

La pratica configurazione 5+2 della Discovery Sport prevede bocchette dell’aria all’altezza del viso per la seconda fila di sedili, per ottimizzare l’efficacia del climatizzatore. Per la terza fila di sedili, è disponibile un’unità di climatizzazione ausiliaria, sempre con bocchette dell’aria all’altezza del viso, particolarmente utile nei climi più caldi.

Sensori dell’Ambiente Esterno

La Discovery Sport è disponibile con climatizzatore bizona e sensore della qualità dell’aria che ne misura umidità e livelli di smog. Se il sistema rileva alti livelli di inquinamento, predispone automaticamente il passaggio alla modalità ricircolo aria. I tergicristalli rilevano la pioggia ed entrano in funzione automaticamente adeguandosi alle condizioni delle precipitazioni, mentre un sensore sul parabrezza aziona automaticamente lo sbrinatore quando necessario.

In caso di guado, i sensori ad ultrasuoni posizionati sotto gli specchietti, misurano la distanza fra questi ultimi e la superficie dell’acqua. Quindi l’unità di controllo del sistema Wade Sensing calcola la profondità dell’acqua, tenendo anche in considerazione l’eventuale inclinazione in avanti o indietro del veicolo e la invia al touchscreen, emettendo anche un avvertimento sonoro se ci si sta avvicinando alla massima profondità di guado consentita.

Stereo Camera

Un’avanzata videocamera montata accanto allo specchio retrovisore, è puntata in avanti sulla strada, per rilevare altri veicoli o potenziali ostacoli. Questa telecamera 3D copre un angolo orizzontale di 50 gradi per una portata di 50 metri.

Rilevato un veicolo, la telecamera – non più grande di un portachiavi – lo tiene sotto controllo e frena automaticamente, se ritiene inevitabile una collisione. Questo dispositivo è noto come Autonomous Emergency Braking.

La telecamera “legge” anche i segnali stradali* relativi ai limiti di velocità, indicando discretamente sul cruscotto se tale limite viene superato. Il dispositivo può anche rilevare se il pilota sta cambiando corsia senza preventiva segnalazione, per avvertirlo con una vibrazione del volante.

5 Tecnologie

Assistenza Abbaglianti – ‘High Beam Assist’

La telecamera passa automaticamente ai fari anabbaglianti quando il veicolo incrocia altri automezzi che procedono in senso contrario. Questa funzione agisce in 500 millisecondi – più rapidamente di un interruttore manuale.

Similarmente, lo specchio retrovisore elettrocromatico monta due sensori che ne regolano la capacità riflettente, per evitare che il pilota venga abbagliato dai fari dei veicoli che seguono. Un sensore montato anteriormente sullo specchio retrovisore, misura la luminosità esterna, mentre un altro sensore, montato sull’altro lato dello specchio, controlla i fari dei veicoli in arrivo posteriormente, per 1000 metri.

Ad esempio, in una strada di campagna buia, il sensore anteriore rileva la scarsa luminosità e quindi la maggiore probabilità di abbagliamento del pilota. Se il sensore rileva allora che un veicolo con gli abbaglianti si sta avvicinando da dietro, oscura lo specchio retrovisore. Se si guida invece in una strada di città ben illuminata, lo specchio verrà oscurato solo leggermente.

Passaggio da 4×4 a 4×2

Il sistema di trazione Active Driveline migliora l’efficienza e la dinamica del veicolo passando automaticamente alla trazione 4×2 e disinnestando la trasmissione posteriore, quando si viaggia ad una velocità costante superiore ai 35 km/h. Comunque, se il sistema avverte una perdita di trazione o una brusca accelerazione da parte del pilota, torna in 300 millisecondi alla trazione integrale, con un passaggio così dolce da essere inavvertibile.

Il sistema può inoltre effettuare una precisa regolazione della coppia da inviare alla ruota posteriore esterna o a quella interna alla curva, adattandosi alle condizioni del momento e migliorando il comportamento del veicolo in curva. Il pilota può conoscere in tempo reale la distribuzione della coppia motrice usando le funzioni avanzate 4x4i sul touchscreen del veicolo.

Gentlemen driver

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

Formula 1 2015, GP di Russia: verdetti e dubbi sul prossimo futuro

Porsche cresce in Europa: Macan la piu’ venduta