in

Le donne al volante: alcune curiosità sulle automobiliste italiane

donne
Tempo di lettura: < 1 minuto

Donne al volante, pericolo costante. Quante volte avete sentito ripetere questa famosa frase? In Italia, numeri alla mano, questo famoso detto è prontamente smentito. Le automobiliste italiane causano meno incidenti rispetto ai maschi. È quanto emerge da un’indagine condotta da Facile.it, il sito che confronta le assicurazioni, indagine che ha messo a confronto la responsabilità dei sinistri sulla base del sesso degli automobilisti.

Fa invece riflettere che, sempre dati alla mano, sono intestati in Italia alle donne, in media, il 46,12% del parco auto circolante. Il primato spetta alla Valle d’Aosta con 58,10%, fanalino di coda la Puglia con 36,09%.

Dati che testimoniano le radici ben profonde sulle quali si muovono, anzi muovevano, le assicurazioni nel calcolare l’importo dei premi Rc auto sulla base dell’intestatario; tutto è cambiato a partire dal 2012, quando la Corte di Giustizia Europea ha dichiarato questo genere di differenziazione basata sul sesso decisamente fuori norma, quindi inapplicabile.

Prima della sentenza della Corte 5 anni orsono, tra i parametri considerati per calcolare i premi dell’RC auto rientrava infatti anche il sesso, elemento che andava a favorire le donne, almeno fino ad una certa età. Dai dati risultava infatti che al momento del conseguimento della patente le donne, vista la loro cautela nel muovere i primi metri, causavano circa il 25% di incidenti in meno rispetto agli uomini.

Questa forbice andava già a ridursi tra i 30 ed i 33 anni al 9% di differenza, mentre entrate nei temuti “anta”, erano le donne a causare più incidenti rispetto agli uomini. Dati, quest’ultimi, in parte falsati considerando che molto spesso gli incidenti causati dai diciottenni neopatenti coinvolgono l’auto di proprietà materna. 

 

Dì la tua

PureTech

Tutti i segreti del motore PureTech di Gruppo PSA

droni

Anche i droni fanno le multe