domenica, 21 Aprile 2019 - 23:08
Home / Notizie / Curiosità / DS X E-Tense: il futuro del Marchio premium francese
DS X E-Tense

DS X E-Tense: il futuro del Marchio premium francese

Tempo di lettura: 2 minuti.

L’orizzonte non è così lontano, si parla infatti del 2035. Come saranno le auto tra 17 anni? DS ha provato a rispondere a questa domanda e da un foglio bianco è nata la DS X E-Tense, una concept car, chiamiamola pure dream car, con un livello di tecnologia e design difficilmente paragonabile con show car viste in passato dalle parti del quartier generale di Groupe PSA.

Da quando è ripartita la sfida di DS come costruttore di auto premium, ovvero dal giugno 2014, il Marchio francese ha sempre posto l’avanguardia tecnologica come primo punto nella progettazione delle sue vetture. Dopo la E-Tense, prefigurazione di una supercar dal design d’altri tempi, il duro lavoro, svolto nell’ombra, si è già concretizzato per la produzione di serie con la tecnologica DS 7 Crossback, il  nuovo SUV francese che fa di stile e tecnologie inedite due dei suoi punti di forza.

Con la DS X E-Tense si è voluti andare ancora oltre, laddove donne e uomini del team DS Automobiles hanno voluto sognare e immaginare la loro idea di auto del futuro. La mission si è presto delineata: coniugare tecnologia e poesia. Il risultato è un’immagine del mondo del lusso di domani, moderno e con tecnologie ancora da sviluppare, ma sempre bello e umano, sensoriale e ispiratore.

Il cockpit si apre con una porta ad ala di gabbiano, in carbonio e pelle. Lo sguardo non può non cadere sull’ampia seduta piramidale, che si adatta alla morfologia del conducente come il sedile avvolgente di una monoposto da corsa. Il baricentro della vettura è spostato in basso, mentre l’attenzione per la qualità dei materiali si evince anche dalla manifattura del volante, in pelle, boiserie e metallo.

I materiali di prima fattura si ritrovano anche nell’abitacolo, con la pelle anilina bicolore che abbina il blu Millenium al blu Marine. Sempre presente il punto perla, caro a DS. Anche la pedaliera, emblematica tanto quanto il volante, è studiata con altrettanta dovizia di particolari.

La simmetria non le appartiene

DS X E-Tense

Nella foto di copertina, scelta volutamente, avrete notato che la DS X E-Tense è asimettrica. La scelta è stata voluta per aprire a nuove frontiere in termini di volumi dove il fulcro della vettura rimane la cellula del pilota. Sotto di lui il pavimento è in vetro trasparente, per veder scorrere la strada sotto di sè.

Il futuro dell’assistente personale di bordo, oggi vocale, sulla DS X E-Tense diventa una sorta di ologramma, come nei film di fantascienza. Nell’abitacolo non ci sono più schermi e superfici vetrate sostituiscono gli obsoleti, tra vent’anni, touchscreen così tanto oggi di moda.

I sedili sono in realtà due, ma possono diventare tre, e la motorizzazione è completamente elettrica, così da renderla silenziosa come il vento che cerca di sfidare. Due le modalità di cavalleria, a scelta: 540 CV per le strade di tutti i giorni, 1360 per quando si varcano le porte dei circuiti di tutto il mondo.

Se volete vederla in azione e catapultarvi in un istante nel futuro, anche se per il momento solo in un video, potete cliccare qui e iniziare a sognare.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Citroen C3 prima generazione

Citroen C3 prima generazione: storia e curiosità della compatta francese

Nel 1998 Citroen presentò la la concept car C3 Lumiere, dove Lumiere significa luce. Simpatica, …