in

LoveLove WowWow FlopFlop ......

È morta Sabine Schmitz: addio alla pilota tedesca Regina del Nurburgring

Sabine_Schmitz
Tempo di lettura: < 1 minuto

Un triste giorno per gli appassionati del mondo dell’auto, del motorsport e del Nurburgring in particolare. È di oggi la notizia della morte di Sabine Schmitz, la Regina del Ring, diventata famosa in tutto il mondo grazie a Top Gear, dove fece la sua prima di tante apparizioni nel 2002, proprio per guidare Jeremy Clarkson all’interno dell’Inferno Verde. Nel 2016 arriverà anche a essere tra i presentatori il noto programma della BBC.

Malata di tumore dal 2017 (come rivelato da lei stessa lo scorso anno), la Schmitz ha combattuto duramente per quasi 4 anni, ma a 51 anni ha dovuto arrendersi alla malattia. Se ne va uno dei piloti più forti all’interno del Nurburgring, dove ha anche fondato un’azienda, la “Sabine Schmitz Motorsport”, divenuta famosa per il suo Ring Taxi, il taxi più veloce al mondo, che sfrecciava con i suoi passeggeri all’interno del circuito tedesco per far provare l’ebbrezza di un giro a tutta velocità.

Oltre ai successi televisivi, Sabine Schmitz ha ottenuto anche grandi riconoscimenti nel motorsport alla 24 Ore del Ring, come il titolo assoluto nel 1996 e nel 1997 con BMW, la terza posizione nel 2008, la nona nel 2011 e la sesta nel 2012, sempre a bordo di Porsche.

Ciao Sabine, vogliamo ricordarti così, di traverso con la tua BMW M5 “Ring Taxi”.

Pilota professionista

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

Commenti

Scrivi un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Quando ci lasciano queste persone, anche se non le abbiamo conosciute personalmente, si sente un senso di vuoto, che viene a mancare qualcuno che poteva essere di ispirazione. Spiace davvero. R.I.P.

Loading…

0
Opel Mokka 2021

La tecnologia Matrix LED di Oper Mokka per tutte le tasche

Volkswagen Golf R 2022: con il Drift Mode il divertimento è assicurato [VIDEO]