sabato, 20 ottobre 2018 - 22:59
Home / Notizie / Attualità / Ecobonus smart: chi sceglie l’elettrica risparmia di più
ecobonus smart

Ecobonus smart: chi sceglie l’elettrica risparmia di più

Tempo di lettura: 1 minuto.

Dell’ecobonus smart vi abbiamo già parlato pochi giorni fa, ora però c’è una novità: fino al 31 dicembre 2017, entrare nella mobilità intelligente firmata smart, rottamando una vecchia auto con motore a gasolio (da Euro 1 a Euro 4), significa poter aprofittare di sconti da non perdere.

Chi sceglie la mobilità elettrica di smart con la sua electric drive può contare su un ecobonus di 2.400 euro, cifra dimezzata per chi invece sceglie la versione benzina equipaggiata con l’assai parco e comunque rispettoso dell’ambiente motore benzina Euro 6.

Un importante vantaggio economico cumulabile con le iniziative commerciali in corso, come la supervalutazione usato, cui si aggiunge il valore dell’auto in permuta e, per i nuovi e-driver, le numerose agevolazioni previste per le auto elettriche oltre, naturalmente, il forte risparmio alla voce consumi.

In pratica chi volesse le chiavi di una smart elettrica non deve più versare l’anticipo, che si annulla grazie all’ecobonus smart, per poi pagare un canone fisso di 348 euro per 36 mesi. Facile, pulita, silenziosa e brillante, come solo un’auto elettrica riesce ad essere grazie ad un’autonomia di 160 km, ottimizzata per le percorrenze urbane e un’accelerazione a prova di Brabus di 0-60 in 4,9 secondi e una batteria garantita 8 anni e ben 100.000 chilometri.

I vantaggi dell’ecobonus smart non si fermano qui

Chi abita nelle metropoli sa bene quanto spesso si debba fare ricorso al portafoglio tra parcheggi blu, ZTL e vari costi di assicurazione e tasse. Bene, con l’auto elettrica la tassa di possesso è gratis per 5 anni, scende il costo dell’RCA e si può dire addio al pagamento e alle restrizioni di strisce blu e zone a traffico limitato. Tante voci che incidono in maniera significativa nel bilancio complessivo dei costi di esercizio dell’automobile.

 

 

 

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

No Smog Mobility

Cala il sipario su No Smog Mobility: le conclusioni della due giorni a Palermo

Se Palermo è agli ultimi posti per spazi verdi, nel capoluogo siciliano si parla di …

something