giovedì, 20 settembre 2018 - 14:23
Home / Notizie / Curiosità / Esordio a Goodwood per la GT-R50 by Italdesign
GT-R50

Esordio a Goodwood per la GT-R50 by Italdesign

Tempo di lettura: 2 minuti.

Ve l’abbiamo annunciata e tra pochi giorni lei scenderà su strada, per il suo esordio ufficiale: stiamo parlando della Nissan GT-R50 by Italdesign ormai pronta, dopo l’unveiling fotografico, a farsi vedere in metallo ed emozioni davanti al pubblico del Goodwood Festival of Speed, con l’avvio del motore previsto per giovedì 12 luglio.  

La Nissan GT-R50 by Italdesign, neonata cretura frutto dell’inedita partnership tra Nissan e Italdesign, ha tutte le carte in regola per poter diventare il primo esemplare di una linea estremamente limitata di veicoli prodotti e costruiti a mano, sullo stile delle one-off che dopo tanti anni ancora sono tra le più desiderate dagli appassionati che possono permettersele.  

Per Nissan e Italdesign il Goodwood Festival of Speed rappresenta la cornice ideale per presentare la Nissan GT-R50 by Italdesign: un connubio di potenza e maestria che rende omaggio ai cinquant’anni in cui ha saputo far sognare i nostri clienti” ha sottolineato Alfonso Albaisa, Senior Vice President Global Design di Nissan Motor Co. Ltd. “Proprio come questo prototipo, Goodwood celebra il design, la performance, le piccole trasgressioni e la profonda passione per la creatività automobilistica passata e futura. L’evento rappresenta la vetrina ideale per dimostrare come Nissan continui a stimolare la fantasia delle persone facendole sognare sempre più in grande”.

Nell’attesa di poter ammirare la Nissan GT-R50 by Italdesign a Goodwood e in altre presentazioni internazionali nei prossimi mesi, è ipotizzabile una produzione di una vettura per clienti ispirata al prototipo. Italdesign, come accaduto per la sua Zerouno prima e per la Zerouno Duerta dopo, potrebbe avviare una produzione non più alta di 50 esemplari, ad un prezzo che potrebbe toccare quota 900.000 euro.


Nissan GT-R 50 by Italdesign: scopriamola meglio

La Nissan GT-R50 by Italdesign nasce dall’ultima versione della Nissan GT-R NISMO e la reinterpreta conferendole uno stile ed uno spirito europeo, facendo convergere non solo la potenza estrema ma anche la maestria e la personalizzazione tipiche del Made in Italy.

Il connubio tra Italia e Giappone ha potenziato il motore V6 VR38DETT da 3,8 litri, assemblato a mano, di 120 CV, raggiungendo una potenza stimata intorno ai 720 CV. Non sono poi mancati interventi a livello di telaio e trazione. Italdesign ha firmato il lavoro di progettazione, ingegnerizzazione e costruzione della vettura, mentre l’originale e accattivante design degli interni e degli esterni è stato curato dalla divisione Nissan Design Europe e da Nissan Design America.

Gli interni della Nissan GT-R50 by Italdesign rispecchiano un pedigree moderno altamente prestazionale, nel quale un ampio uso di dettagli in fibra di carbonio in due diverse declinazioni ricorre lungo la console centrale, il cruscotto e i pannelli delle porte, per accompagnarsi al nero della pregiata pelle italiana e dell’Alcantara dei sedili. I tocchi nei toni dell’oro riprendono la finitura esterna applicata a tutto l’abitacolo.

Italdesign vanta una lunga tradizione nel corso della quale ha saputo realizzare i sogni dei propri clienti. Unendo le forze con i nostri partner di Nissan è stato possibile realizzare il concept visionario di questa GT-R 50” ha sottolineato Joerg Astalosch, Amministratore Delegato di Italdesign. “Molto presto questa potente ‘creatura’ cambierà la vita di un gruppo molto esclusivo di 50 appassionati. La loro attesa sarà breve”.

GT-R50

Se la inedita supercar vi ha incuriosito, in attesa di vederla in azione, vi consigliamo una rapida visita al sito che Nissan e Italdesign hanno creato appositamente per la nuova arrivata

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

777 Club logo

Noleggio Supercar a Torino, presentato il 777 Club

Tempo di lettura: 2 minuti. L’inaugurazione del 777 Club si è svolta questa sera al Museo Nazionale dell’Automobile. Presenti Mariella Mengozzi, direttore del …

something