venerdì, 20 aprile 2018 - 18:17
Home / Notizie / Motorsport / European Le Mans Series 2013: debutto bagnato per l’Alpine A450

European Le Mans Series 2013: debutto bagnato per l’Alpine A450

Tempo di lettura: 2 minuti.

La pioggia ha segnato la prima discesa dell’Alpine A450 in competizione, 35 anni dopo la vittoria della Marca alla 24 Ore di Le Mans.
Fin dalle prove libere, Nelson Panciatici e Pierre Ragues – i due piloti Signatech-Alpine – hanno lavorato con lo staff tecnico per adattare l’Alpine A450 a queste particolari condizioni, con il miglior tempo nella prima sessione e il secondo tempo nella seconda.

Durante le qualificazioni, Nelson Panciatici riusciva a posizionare l’Alpine A450 in seconda fila sulla griglia di partenza.
La pista era asciutta al momento in cui i concorrenti si slanciavano in corsa, prima che un diluvio si abbattesse su Silverstone durante il giro di formazione. Nelson Panciatici su Alpine A450 partiva dalla terza posizione, con un treno di pneumatici Michelin slick, collocandosi in testa fin dalla prima curva, mentre la security car faceva una prima apparizione al termine del primo giro. Nelson rientrava dopo cinque giri, per ripartire con pneumatici intermedi.

Riprendeva la pista al nono posto, iniziando un bel recupero fino al secondo posto, al momento di passare il volante a Pierre Ragues. Con pneumatici “pioggia”, Pierre ripartiva in quinta posizione, guadagnando rapi-damente un posto prima del rientro in pista della security car. Dopo un’ora di procedura di sicurezza e con acqua presente su tutto il circuito, la direzione di gara decideva di concludere la prova. Le posizioni venivano quindi congelate mentre l’équipe Signatech-Alpine si preparava ad approfittare della sua strategia di sfasamento.

«È stato un week-end molto importante per tutta la nostra équipe», sottolineava Philippe Sinault, Team Principal di Signatech-Alpine. «È stato realizzato un ottimo lavoro per preparare questo primo appuntamento. Peccato dover vivere una corsa così frustrante … Sono meritevoli i piloti per averci riportato intatta l’Alpine A450. Tuttavia, per le pessime condizioni meteorologiche, la competizione è stata interrotta: avevamo una buona strategia, che avrebbe potuto rivelarsi vincente al termine delle tre ore. La security car e la bandierina rossa ci hanno impedito di concretizzarla.».
Nelson Panciatici: «Sono partito bene, per piazzare l’Alpine A450 in testa alla corsa. Sotto la pioggia, era molto difficile non commettere errori. Con pneumatici intermedi, la fine del mio turno è stata particolarmente difficile: avrei dovuto ri-prendere il volante per concludere, ma la corsa è stata interrotta troppo presto.».
Pierre Ragues: «Avevamo la possibilità di ritrovarci almeno sul podio. La nostra strategia era sfasata fin dal primo turno. La pioggia era incessante ed era impos-sibile evacuare l’acqua prima dell’arrivo della security car. Sono deluso, perché l’équipe ha un potenziale nettamente superiore al risultato ottenuto.».
Pilota junior Alpine, Paul-Loup Chatin si è classificato al secondo posto in catego-ria LM PC.

Classifica:
1 Jota Sport (Dolan / Turvey) 2:15’22.561
2 Race Performance (Frey / Niederhauser)
3 Thiriet by TDS Racing (Thiriet / Hirschi)
4 Signatech Alpine (Ragues / Panciatici)…

Autore: Redazione Autoappassionati.it

Potrebbe interessarti

Ricciardo

Ricciardo in Ferrari al posto di Raikkonen?

Tempo di lettura: 3 minuti. Con l’avvicinarsi della stagione calda inizia puntualmente la silly season, termine inglese che i media …

something