in

F1, pagelle GP Messico 2022: solito Verstappen, Ferrari in affanno

4 - GP MESSICO F1/2022 - DOMENICA 30/10/2022
Tempo di lettura: 3 minuti

Vince per la quattordicesima volta in stagione Max Verstappen, un record nella storia della Formula Uno che difficilmente verrà eguagliato se non dallo stesso olandese in uno stato di forma straordinaria. Un traguardo ottenuto con la ferocia di un cannibale che non si accontenta mai e che agli avversari non sta lasciando neanche le briciole. Voto 10

Così come ad Austin, chiude al secondo posto Lewis Hamilton che ha sperato fino all’ultimo un crollo della gomma media di Verstappen. Il pilota inglese prova una strategia alternativa, ma la realtà è che alla sua Mercedes manca sempre qualcosa per la zampata vincente. Voto 9,5

Si esalta a metà Checo Perez nella gara di casa. Pur spinto dal suo pubblico, incredibile il tifo a ogni suo passaggio nella S prima del traguardo, il messicano non ha il passo né di Max né di Lewis, e si deve accontentare del gradino più basso del podio. Un risultato così così ma pur sempre valido per passare davanti a Leclerc nella classifica mondiale piloti, giusto a confermare il predominio della scuderia per cui corre. Voto 7,5

Delusione parziale per Russell, che forse nella corde aveva la pole position. Un errore nell’ultimo settore gli avevano comunque regalato la seconda piazza. In partenza combina un pasticcio forse scottato dopo Austin e finisce quarto e poi in gara come Lewis è poco aggressivo con la strategia e chiude al quarto posto. Voto 7

Voto cumulativo per i due piloti Ferrari, autori di un weekend non di quelli da ricordare. Il quinto posto di Sainz ed il sesto di Leclerc a quasi un minuto dal leader di gara non sono segnali piacevoli per il futuro. La Ferrari in Messico semplicemente non è all’altezza, nonostante i ripetuti cambi di setup chiesti dai piloti. Ora restano due gare e 40 punti di vantaggio da difendere da Mercedes in classifica costruttori. Voto 4

Premiato dai tifosi come pilota di giornata, dopo il disastro di Austin, Daniel Ricciardo risponde alle critiche con un settimo posto ottenuto con una gara magistrale, soprattutto nella gestione degli pneumatici. Ora i punti di distacco da Alpine sono solo più 7 e serve ancora il suo contributo per raggiungere l’obiettivo prima di quello che ha tutti i presupposti per diventare un addio solo temporaneo dalle scene che contano. Voto 8

Riesce a salvare la baracca per Alpine Esteban Ocon che, con il suo ottavo posto finale, ottiene punti che tengono viva la speranza per la scuderia francese nei confronti della lotta contro la McLaren per l’importante quarto posto tra i team. Il ritiro (l’ennesimo) del povero Alonso gli consentono di tenersi dietro il compagno di squadra, ma servirà altro nelle ultime due gare per portare a casa la pagnotta. Voto 6

Sembrava volare in qualifica la Alfa Romeo di Bottas, che difatti si è posizionata in sesta piazza. In gara il passo non è dei migliori, ma Valtteri riesce comunque a cogliere un punticino con il suo decimo posto finale che fa respirare la squadra, tallonata dal recupero Aston Martin. Voto 7,5

Niente da fare ancora una volta per Alpha Tauri, che questo punticino di distacco dalla Haas non riesce proprio a colmarlo. Stavolta Tsunoda stava pure correndo alla grande, poi Ricciardo gli rovina la gara e il giappone deve alzare bandiera bianca, mentre Gasly finisce appena fuori dalla zona punti, un vero peccato. Voto 5

Chiusura doverosa sulla sentenza budget cap che ha visto penalizzata in special modo la RedBull per aver violato il budget cap. La realtà è che non si può sapere quanto tutto ciò abbia realmente dato un vantaggio alla RedBull. Non sappiamo e non sapremo mai se gli altri ligi alle regole avrebbero vinto al posto loro. Però sappiamo che questo sport ha perso l’ennesima occasione per essere credibile, per evitare polemiche e potenziali complotti. Di furberie e illegalità ne è piena la storia di questo sport, ma la federazione deve imparare ad essere dura e a non farsi prendere per il naso, ne va della credibilità della classe regina. Alla FIA voto 2

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Jeep Avenger vs Jeep Renegade: ecco cosa cambia tra i due modelli

    Opel Vivaro-e Hydrogen: Stellantis ci crede, il problema sono le infrastrutture