mercoledì, 11 Dicembre 2019 - 16:04

Asta record per la Ferrari F2002 campione del mondo [VIDEO]

Tempo di lettura: 2 minuti.

Avete presente un festival per ricconi pronti a darsi battaglia? Questo è diventato il rettilineo di partenza del circuito di Abu Dhabi dove sabato sera, dopo le qualifiche, si è tenuta una delle aste automobilistiche più “popolate” di sempre. Tra supercar, memorabilia e chi più ne ha più ne metta, la regina della serata è stata la Ferrari F2002 con la quale Michael Schumacher vinse tre gare nell’anno d’oro 2002, quello del suo quinto mondiale.

A organizzare il tutto una delle case d’aste più famose del mondo, RM Sotheby’s, della quale ci siamo già occupati in altre occasioni. La F2002, telaio n.219, è stata battuta all’asta per la cifra record di 6.643.750 dollari, circa 5,9 milioni di euro.

La storia di questa monoposto, capace di vincere 14 gare su 15 disputate nella stagione 2002 (due vennero corse dalla Scuderia con la vecchia F2001) e un’ulteriore, l’ultima, l’anno successivo, al GP di San Marino, prima di lasciare campo libero alla sua erede, la F2003 G.A..

Il telaio 219, battuto all’asta appena poche ore fa ad Abu Dhabi, vinse tre gran premi con Michael Schumacher alla guida: San Marino, Austria e Francia, gara dove il Kaiser si laureò per la quinta volta campione del mondo con il famoso zig zag dopo il traguardo. Il telaio 219 passò poi nelle “mani” di Rubens Barrichello, poichè Schumi corse le restanti gare della stagione (6) con i telai 221 e 223.

Proprio il fatto che questa sia stata la monoposto della vittoria del quinto mondiale è stato il dettaglio in più, quello che ha fatto la differenza a livello di prezzo. La Ferrari F2002 era già stata acquistata precedentemente da un altro collezionista ma tornerà a Fiorano per un completo restauro prima di finire nel box del suo nuovo proprietario.

Ferrari F2002

Ah, una cosa importante. Restauro a parte, per farla tornare a splendere come 17 anni fa, è stato niente meno che Mick Schumacher, pilota ufficiale di Ferrari Driver Academy, ha svolto lo shakedown della vettura lo scorso 15 novembre a Fiorano. Un’emozione grandissima per il giovane tedesco, per la terza volta al volante di una vettura guidata dal grande papà (Benetton B194 nel 2017 e Ferrari F2004 quest’estate). Parte del ricavato è stato devoluto in beneficienza per la fondazione Keep Fighting.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Il DTM a Monza

DTM 2020: il debutto a Monza nei test pre-stagionali

Dopo l’annuncio ufficiale della partecipazione a Monza di DTM nel calendario 2020 arriva un’altra notizia …