venerdì, 24 novembre 2017 - 12:07
Home / Notizie / Novità / Ferrari F70: l’erede della Enzo debutterà al Salone di Detroit 2013
Official Ferrari Magazine

Ferrari F70: l’erede della Enzo debutterà al Salone di Detroit 2013

Tempo di lettura: 2 minuti

Tutti ormai attendono l’arrivo dell’erede della mitica Ferrari Enzo e puntuale la Casa di Maranello come regalo ai suoi clienti ha diffuso i primi teaser della nuova vettura. Sono infatti apparsi sull’ Official Ferrari Magazine le immagini del frontale e del posteriore della nuova Ferrari F70 (nome non ancora ufficializzato ma probabile) che vi mostriamo in quest’articolo.

Il debutto avverrà al prossimo Salone Internazionale di Detroit 2013. Il motore sarà uno scoppiettante V12 da 6.3 litri, in grado di erogare ben più di 850 CV. La vettura senza dubbi sarà dotata anche di un secondo propulsore elettrico abbinato ad un sistema di recupero dell’energia in frenata (derivante dal Kers impiegato in F1) in grado di erogare più di 100 CV. Con questa accoppiata la nuova F70 si avvicinerà ai 1000 cv.

ferrari-f70-render-2013

Per quanto riguarda il telaio, si tratterà di quello visto al Salone di Parigi 2012. Il telaio utilizzerà infatti quattro tipi diversi di carbonio, laminati a mano e prodotti in autoclave, seguendo un metodo di progettazione che ha permesso di ottimizzare il design integrando le diverse componenti.

La struttura principale sarà composta da carbonio T800, con locali applicazioni di T800UD, ovvero carbonio a fibre unidirezionali, strategicamente utilizzate per rinforzare la struttura. I coperchi strutturali del fondo e la traversa plancia saranno invece realizzati con un altro tipo di carbonio particolarmente pregiato denominato M46J mentre in alcune zone critiche come le portiere si è ricorsi alla fibra ultra-resistente T1000, particolarmente efficace nell’assorbimento degli urti, la stessa impiegata per il musetto delle monoposto. Nel sottoscocca il carbonio sarà unito a un altro materiale nobile, il Kevlar, per prevenire danni derivanti dai detriti del fondo stradale.

Il peso complessivo del telaio sarà del 20% inferiore a quello della Enzo Ferrari, nonostante l’aumento di chili dovuti alle normative e ai componenti ibridi. La rigidità torsionale è maggiore del 27%, quella flessionale del 22%.

 

 

Autore: Federico Ferrero

Direttore Autoappassionati.it

Potrebbe interessarti

nuova Aston Martin Vantage

Nuova Aston Martin Vantage: ha voglia di correre

Tempo di lettura: 1 minutoSono passati già 12 anni da quando la prima Aston Martin Vantage debuttò sul mercato …