in

Jay Kay vende la sua LaFerrari verde: le quotazioni fanno paura

Jay Kay
Tempo di lettura: 2 minuti

Presentata nel 2013 al Salone di Ginevra, la Ferrari LaFerrari è già un oggetto da collezione. Prima hypercar a ricevere il trasferimento di tecnologia direttamente dalla F1, con l’adozione del KERS, tanto da essere definita la prima Ferrari ibrida, seppur fuori serie, mai costruita dal Cavallino. Jay Kay, il famoso cantante dei Jamiroquai, da grande appassionato qual è, non se ne è fatta scappare una e ha deciso di colorarla tutta di verde, sia dentro sia fuori. Oggi, a diversi anni di distanza, ha preso una sofferta decisione, ossia quella di vendere la sua “verdona” col cavallino sul cofano.

Joe Macari, famoso concessionario londinese di supercar e fuoriserie appartenute a VIP di più o meno nota fama, ha pubblicato l’annuncio : come si nota, non può non balzare all’occhio la LaFerrari verde di Jay Kay in mezzo alle varie F12 TDF o 488 Spider. Il prezzo, a differenza delle altre auto, non è stato pubblicato (la dicitura dice “under offer”).

L’auto di Jay Kay è stata usata per occasioni speciali: il contachilometri segna “solo” 3.060 chilometri all’attivo. Un’occasione, che vi riproponiamo qui sotto, fu il Festival of Speed di Goodwood nel 2014, giusto per esibire il nuovo gioiellino appena arrivato in garage.

Oggi una LaFerrari  tra le 709 (499 Coupé e 209 Spyder “Aperta”) prodotte può arrivare a quotazioni di 2,5 milioni di euro, cifre destinate a salire nel corso degli anni. Un esemplare come questo, così particolare (pinze freni gialle, impunture verdi e le varie parti in carbonio, senza considerare l’unicità del colore Verde Signal) non avrà problemi, come minimo, ad arrivare a 5 milioni, secondo le stime; e intanto il buon Jay Kay già ride sotto i baffi…

LaFerrari Jay Kay

Se ricordate, in occasione del terremoto in Centro Italia, un esemplare venne quotato ben 7 milioni, tutti donati in beneficenza direttamente da Ferrari.

Dì la tua

Fiesta Active

Ford Fiesta Active | Prova su strada

mercato auto di marzo

Mercato auto aprile 2019: lieve recupero grazie all’Ecobonus e i modelli più venduti