in

La prima Ferrari elettrica stampa il record di Fiorano: è tutto vero [VIDEO]

Tempo di lettura: 2 minuti

Ferrari gode della proprietà esclusiva del circuito di Fiorano, un vero e proprio punto di forza del Cavallino Rampante, dove poter sviluppare le nuove auto ad un passo dalla fabbrica di Maranello. Inaugurato nel 1972, Fiorano ha accolto le Rosse degli ultimi 50 anni ed ha visto molti record, ma il giro più veloce di un’auto elettrica non è stato fatto da una vera e propria Ferrari.

Ferrari: a Fiorano il record della pista è di una piccola “Rossa” elettrica

Ferrari non ha ancora un’auto elettrica in gamma, quindi a stabilire il record della pista è stata una “Rossa impropria”. Si tratta di una Ferrari 250 Testa Rossa in miniatura costruita da Little Car Company con l’approvazione della casa madre, che è scesa in pista guidata da Ollie Kew di Top Gear.

È un modello in scala perfettamente funzionante e riprodotto con un’attenzione certosina: la carrozzeria in alluminio è modellata a mano, le ruote a raggi sono della Borlani, la selleria in pelle è realizzata con gli stessi rivestimenti della casa ed infine monta un motore elettrico che la rende la più veloce vettura della gamma di Little Car Company, una richiesta voluta da Ferrari stessa. Sotto al cofano infatti romba un motore di 16 CV che invia la potenza alle sole ruote posteriori, e riesce a spingere la vettura fino ad una velocità massima di 80 km/h, con un comportamento dinamico migliorato rispetto ad altri modelli sviluppati dalla piccola azienda.

Fino a quando non arriveranno le prime Ferrari elettriche, sarà lei a detenere il record tra le auto EV sul circuito di Fiorano. La Ferrari F2004 di Schumacher ha fatto un giro in 55,9 secondi, mentre la SF90 Stradale in 1 minuto e 19 secondi: la 250 Testa Rossa di Little Car Company ha siglato un tempo di 2:26.97.

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Stati Uniti: un aereo improvvisa l’atteraggio in autostrada, sfiorato il disastro [VIDEO]

    trofeo

    Maserati Ghibli: l’addio che non desta scalpore